Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Egba-Essa-Rga: "Bene convenzione europea sul match fixing, ma rispettare diritto comunitario"

  • Scritto da Redazione GiocoNews

L'industria europea delle scommesse accoglie con favore la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla partite truccate, che mira a prevenire la manipolazione dei risultati sportivi. Per Egba, Essa, e la Rga, l'accordo rappresenta uno sviluppo positivo e significativo nella lotta contro le frodi nell'ambito dello sport e delle scommesse. Allo stesso tempo, alcune disposizioni sollevano preoccupazioni per quanto riguarda la loro compatibilità con il diritto comunitario.

 

 

EGBA: "RISPETTARE DIRITTO EU" - Maarten Haijer, Segretario Generale dell'Egba, ha dichiarato: "Il convegno affronta giustamente il match fixing come un problema transfrontaliero che richiede la cooperazione internazionale. La nostra speranza è che si possa impostare una cooperazione ancora più efficace tra tutte le parti interessate per sradicare questo fenomeno. Tuttavia, siamo consapevoli che la Cjue ha giustamente stato chiesto di fornire il proprio parere in merito alla compatibilità della definizione di 'scommesse sportive illegali' con il vigente diritto comunitario, e considerare che l'applicazione di tale disposizione debba essere rimandata almeno fino a che la Cjue non abbia assicurato chiarezza giuridica".


RGA: "QUADRO EQUILIBRATO" - Per Clive Hawkswood, amministratore delegato della Rga: "Le discussioni della Convenzione a volte sono state complicate, ci sono state pressioni da alcune parti interessate a introdurre un diritto del betting sportivo e anche restrizioni su alcuni tipi di scommesse. Il settore delle scommesse regolamentate ha lavorato sodo per spiegare perché misure di questo tipo non comporterebbero alcuna differenza materiale per l'integrità dello sport. Il fatto che queste disposizioni non siano state incluse testimonia la politica costruttiva adottata dal segretariato del Consiglio d'Europa e da molti dei suoi Stati membri. Quello che abbiamo ora è un quadro relativamente equilibrato e praticabile, che mira giustamente a riflettere la gamma dei quadri normativi nazionali esistenti piuttosto che a sostituirli. Tuttavia, ci sono ancora delle aree che potrebbero essere migliorate e speriamo ci sarà la possibilità di rivederle a tempo debito ".


ESSA: "NON IMPORRE LIMITAZIONI INUTILI" - Khalid Ali, segretario generale di Essa, ha aggiunto: "La Convenzione è focalizzata principalmente su come affrontare la minaccia del match fixing allo sport e ai mercati delle scommesse regolamentate, che emana soprattutto da bande organizzate criminali internazionali, sportivi corrotti e dal settore delle scommesse illegali. Come una delle potenziali vittime di tale attività criminale, il settore delle scommesse regolato accoglie con favore gli obiettivi della Convenzione, però, è importante che esso non imponga alcuna limitazione inutili che potrebbero guidare i consumatori verso i mercati non regolamentati. "


REPORT SULLE SCOMMESSE - Recentemente, le tre associazioni hanno pubblicato un report sulle scommesse sportive in cui si rileva che la "proposta che i nuovi mercati, come il betting in-play (o dal vivo), offerto da operatori di scommesse regolamentate dovrebbe essere limitato o vietato per motivi di integrità sportive non, dato il peso dei dati indipendenti, sembrano essere una politica generata da qualsiasi base di prove certe".

 

Share