Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Iagr 2021: Miller (Ukgc), 'Collaborazione chiave per nuove sfide"

  • Scritto da Redazione GiocoNews.it

Il direttore esecutivo della Gambling Commission britannica nel suo internvento alla conferenza Iagr 2021 scuote i colleghi regolatori e invita alla collaborazione, anche con l'industria.

"Se c'è una lezione che possiamo trarre dal virus è che siamo tutti parte di un unico ecosistema globale. Quando un virus può diffondersi in tutto il mondo così rapidamente, ignorando i confini internazionali, dimostra quanto siano interconnesse tutte le nostre vite. Mostra come un evento in una parte del mondo può avere impatti profondi in un'altra. E la regolamentazione del gioco d'azzardo non è diversa".

Comincia così il discorso pronunciato dal Direttore esecutivo della Gambling Commission britannica, Tim Miller, in occasione della conferenza Iagr 2021 che si è appena conclusa a Boston. Un intervento, dal titolo: "Regulatory Disruption: il caso della collaborazione internazionale", particolarmente apprezzato dal pubblico internazionale riunito dall'evento promosso dall'associazione dei regolatori del gaming, che ha probabilmente contribuito anche al conseguimento del premio ottenuto dalla stessa Gambling Commission in occasione della cerimonia degli Awards ospitata dalla manifestazione.
Nel suo discorso, che si è rivelato a tutti gli effetti una lectio magistralis, Miller ha spiegato come "l'internazionalizzazione nel settore del gioco d'azzardo stia già portando effetti dirompenti, specialmente ai nostri ruoli di regolatori". Oltre a spiegare le opportunità che quelle stesse connessioni internazionali possono offrire ai regolatori del gioco d'azzardo e di come sia importante coglierle ora.

Invitando tutti i colleghe all'azione, come è solito fare dal responsabile della Gambling Commission. "La regolamentazione del gioco d'azzardo ha sempre dovuto affrontare sfide", ha spiegato Miller. "Le persone hanno giocato d'azzardo nel corso della storia umana e finché c'è stato uno sforzo per regolamentarlo, per renderlo più equo o più sicuro, allora quegli sforzi hanno incontrato ostacoli. Per molti versi queste sfide rimangono le stesse di sempre. Ma l'internazionalizzazione, insieme al continuo progresso della tecnologia, aumenta le vecchie sfide e porta con sé anche nuovi rischi.

Quando faccio riferimento alle vecchie sfide, può valere la pena riflettere per un minuto su come noi della Gambling Commission abbiamo avuto la tendenza a considerare le aree di rischio negli ultimi anni. E cioè guardando la persona, il luogo, il prodotto e il fornitore del gioco d'azzardo.

La persona stessa è ovviamente un fattore che nessun regolatore può controllare. Ma ogni persona che gioca interagirà con i prodotti e sarà esposta al rischio di danni in un modo diverso. Garantire che i nostri approcci e interventi normativi riflettano l'ampia gamma di esigenze dei consumatori è una questione di cui tutti noi regolatori dobbiamo essere consapevoli e affrontare ove possibile, assicurando che i consumatori siano supportati e attrezzati per fare scelte informate su se, quando e come gioco d'azzardo".


LA SFIDA DELLA MULTICANALITA' - "L'ambiente in cui le persone giocano - online o offline - è sempre stato un problema normativo chiave, con sedi o luoghi diversi che hanno potenzialmente un impatto su come le persone giocano, quanto spendono o quanto rischio di danni a cui sono esposte. I diversi prodotti su cui le persone scommettono comportano rischi diversi. E il rapido sviluppo di nuove offerte può spesso portare una gradita innovazione sul mercato, ma può anche portare nuovi elementi di rischio per il consumatore. E, naturalmente, i fornitori, cioè coloro che offrono giochi d'azzardo, gli operatori di gioco d'azzardo, pongono le proprie sfide alla regolamentazione del gioco d'azzardo. E sfortunatamente, attraverso le loro azioni - o la mancanza di azioni - possono avere un impatto sull'esposizione dei loro consumatori a rischi o danni effettivi.

Alla Gambling Commission abbiamo utilizzato questi obiettivi per aiutarci a fare progressi nel rendere il gioco d'azzardo in Gran Bretagna più equo e sicuro e sono sicuro che molti di voi utilizzano approcci simili nelle proprie giurisdizioni. L'internazionalizzazione ha un impatto su ciascuno di questi in modi diversi a cui noi regolatori dobbiamo essere vivi. Ma porta anche le sue sfide fondamentali. Consideriamo solo alcuni esempi:

In un mondo di Operatori Multinazionali sempre più grandi, che possiedono risorse significativamente maggiori di qualsiasi singolo regolatore, affrontiamo il rischio molto reale di essere finanziariamente superati dagli stessi organismi che regoliamo. Ad esempio, in Gran Bretagna abbiamo il compito di supervisionare un settore che valeva 14,1 miliardi di sterline in Ggy (Gaming gross yeald, o Rendimento lordo dei giochi) poco prima che la pandemia colpisse.
Eppure stiamo cercando di regolamentare uno dei mercati di gioco d'azzardo più diversificati e più grandi del mondo con risorse di circa 18 milioni di sterline all'anno. Ora, anche se non sto suggerendo che il budget del regolatore debba corrispondere alle risorse del regolamentato, dobbiamo almeno essere adeguatamente attrezzati per tenere il passo con la velocità con cui il settore si sta innovando ed evolvendo".

LO SGUARDO AI COLOSSI DEL GAMING - "L'emergere di una serie di giganti del gioco d'azzardo internazionali, con le risorse per portare lunghe e costose sfide legali alle autorità di regolamentazione in più giurisdizioni, mostra quanto l'internazionalizzazione potrebbe interrompere il nostro lavoro.

Gli operatori con una presenza globale sono anche in competizione a livello globale, con una presenza in molte giurisdizioni diverse. Le aziende che una volta erano considerate distintamente britanniche, del Nevada e di Singapore sono ora decisamente transnazionali. In che modo noi regolatori ci assicuriamo che tali società non distolgano l'attenzione dal mantenimento della conformità nelle loro giurisdizioni stabilite mentre cercano di sfruttare le opportunità di business che si presentano nei mercati nuovi ed emergenti? E per quei regolatori in quei mercati emergenti, come garantisci che gli operatori che entrano nelle tue giurisdizioni non portino con sé una cultura di non conformità?

E, naturalmente, la cultura umana è diversa in tutto il mondo, così come l'atteggiamento nei confronti del gioco d'azzardo e della protezione dei consumatori. Ho detto prima che comprendere l'approccio di una giurisdizione al gioco d'azzardo può dirti molto sulla cultura di quel luogo. Nel primissimo discorso che ho tenuto per la Gambling Commission, quasi 5 anni fa, ho evidenziato come l'esistenza del gioco d'azzardo in una società dipendesse dalla sua regolamentazione e il suo funzionamento corrispondesse alle aspettative di quella società. Nella maggior parte dei luoghi il concetto di contratto sociale è ciò che determina come il gioco d'azzardo può esistere. La conseguenza di ciò è che gli approcci normativi di ciascuno di noi saranno probabilmente leggermente - o notevolmente - diversi per riflettere gli atteggiamenti e lo status nella società del gioco d'azzardo nelle nostre rispettive giurisdizioni. Tuttavia, quando questi approcci divergenti, quelle norme culturali locali o nazionali si scontrano con un'era di gioco d'azzardo online sempre più internazionalizzato, diventa più difficile garantire che gli operatori soddisfino le aspettative e i requisiti di tutte le giurisdizioni. Quando un'azienda è così abituata a seguire il contratto sociale di una società, quanto velocemente ed efficacemente si adatterà per soddisfare ciò che ci si aspetta da lei in una società diversa? E come regolatori quanto siamo ben attrezzati per prevedere e riconoscere dove i nostri approcci normativi potrebbero incontrare attrito con quelle differenze culturali? Tutti e tre questi esempi mostrano che l'internazionalizzazione ha un impatto sul modo in cui giudichiamo i rischi che vediamo e su come cerchiamo di bilanciarli e mitigarli.

Nel 2021 un consumatore di gioco d'azzardo online potrebbe giocare con un operatore nazionale; potrebbero giocare d'azzardo con un marchio nazionale di proprietà di un operatore internazionale più grande; potrebbero giocare d'azzardo con un operatore con sede all'estero ma autorizzato nella giurisdizione dell'utente; oppure potrebbero giocare d'azzardo con un operatore estero che opera illegalmente nella tua giurisdizione. Ciò che dimostra è che il rapporto che i consumatori hanno con gli operatori di gioco, il rapporto "BtoC", sta diventando sempre più complesso e diversificato. Per noi regolatori forse non c'è dovere più importante che garantire che i consumatori siano ben protetti. Ma ciascuna di queste diverse dinamiche tra il consumatore e l'operatore richiede approcci abbastanza diversi".

LE PROPOSTE - "Allora come affrontiamo queste sfide?", chiede Miller ai colleghi. "Come possiamo assicurarci di operare in modo sufficientemente flessibile per proteggere i consumatori che sono sempre meno vincolati dai confini nazionali?

Parlando in base all'esperienza della Commission, siamo alle prese con questi stessi problemi a casa in diversi modi.

Attraverso l'escalation del nostro lavoro di Compliance e Enforcement, stiamo chiarendo agli operatori che le nostre aspettative nei loro confronti rimangono invariate e non tollereremo il rischio che vengano distratti nella loro conformità ai nostri standard normativi dalle loro emergenti iniziative all'estero. Le pressioni sulle risorse che indubbiamente provengono da un programma di espansione commerciale all'estero non sarebbero accettate come un fattore attenuante per i fallimenti a livello nazionale.

A seguito di un recente accordo per un aumento delle nostre tariffe, prevediamo di effettuare gli investimenti aggiuntivi necessari per supportare le nostre risposte agli sviluppi tecnologici, ai cambiamenti delle dimensioni e della forma del mercato e ai rischi associati agli operatori esteri senza licenza per proteggere i consumatori e l'industria dall'invasione del "mercato nero". Allo stesso tempo, siamo molto chiari con gli operatori sul fatto che la soluzione per affrontare il mercato nero non è smettere di agire per rendere più sicuro il gioco d'azzardo regolamentato. Non legittimeremo le cattive pratiche a casa per paura di ciò che potrebbe accadere altrove. E attraverso la collaborazione con l'industria, le altre autorità di regolamentazione e altre parti interessate, siamo costantemente alla ricerca di modi per compiere progressi più rapidi nell'innalzamento degli standard degli operatori, che possono quindi essere sostenuti da normative successive in cui si dimostra che funzionano. Negli ultimi dodici mesi questo approccio ha portato a importanti passi avanti nel modo in cui vengono offerti i programmi VIP, nell'uso di Ad-tech per indirizzare il marketing lontano dai bambini e nel rendere i prodotti online più sicuri dal punto di vista della progettazione. Questi sono tutti sviluppi che potrebbero trovare applicazione in altre giurisdizioni e su cui una serie di altri regolatori si è già impegnata con noi".

COLLABORAZIONE TRA PAESI - "Ma vediamo un focus sulla collaborazione tra tutti noi, regolatori del gioco d'azzardo in tutto il mondo, come il prossimo passo essenziale nell'affrontare le sfide che l'internazionalizzazione del mercato del gioco d'azzardo pone a tutti noi. Perché non si può tornare indietro nel tempo sull'internazionalizzazione del gioco d'azzardo. Il suo impatto, forse più visibile nelle fusioni e acquisizioni transfrontaliere, continuerà a crescere. E quindi dobbiamo aumentare i nostri sforzi per collaborare attraverso quegli stessi confini. Attraverso i mercati, le giurisdizioni, le culture, la collaborazione dovrà essere uno strumento chiave nel nostro lavoro per rendere il gioco d'azzardo più equo e sicuro per i consumatori di tutto il mondo. E noi regolatori ora dobbiamo cogliere queste opportunità per lavorare insieme in modo più unito.
Ora, naturalmente, a vari livelli, i regolatori del gioco d'azzardo hanno sempre collaborato. Ci siamo impegnati a stretto contatto con i colleghi nella Repubblica d'Irlanda, in Canada e in numerosi stati degli Stati Uniti per condividere le nostre esperienze e intuizioni man mano che vengono sviluppati nuovi mercati e nuovi sistemi normativi. E a nostra volta abbiamo esaminato da vicino altre giurisdizioni per vedere cosa può imparare la Gran Bretagna. Ma ora abbiamo bisogno di aumentare significativamente questo approccio collaborativo. Le istituzioni internazionali, in particolare l'Organizzazione mondiale della sanità, stanno cominciando a vedere i danni del gioco d'azzardo come un problema transnazionale e stanno cercando soluzioni transnazionali. Come regolatori non possiamo essere dietro la curva su questo. Dobbiamo continuare ad essere ambiziosi nelle nostre relazioni reciproche, nei modi in cui cerchiamo di lavorare insieme.

Quando ci riuniamo, agiamo in modo unito e parliamo con una sola voce, il nostro impatto collettivo è maggiore della somma delle nostre parti individuali. Ad esempio, è ampiamente riconosciuto che la criminalità transfrontaliera complessa, come le partite truccate, può essere affrontata solo con un'efficace collaborazione internazionale. Le varie parti del puzzle sono spesso tenute in più giurisdizioni. Pertanto, esplorare meccanismi efficaci di condivisione delle informazioni con i partner internazionali è fondamentale per affrontare efficacemente tali preoccupazioni. Inoltre, riconoscere e sfruttare strumenti legali chiave come la Convenzione Macolin del Consiglio d'Europa, offre preziose opportunità per i regolatori del gioco d'azzardo e altre parti interessate - come le forze dell'ordine o gli organismi sportivi - per collaborare con l'obiettivo comune di mantenere la criminalità fuori dal gioco d'azzardo. e sportivo. L'Unità di intelligence sulle scommesse sportive della Gambling Commission abbraccia questo approccio e so che negli ultimi tempi si sono impegnati con molti dei vostri team per affrontare questi problemi in modo così efficace".

IL TEMA DEI VIDEOGAME - "Un'altra persistente area di preoccupazione per molti di noi è l'offuscamento dei confini tra gioco d'azzardo e videogiochi, in particolare il modo in cui ciò può avere un impatto su bambini e giovani. Così, nel 2018 la Commissione, insieme ad altri quindici regolatori del gioco d'azzardo europei e nordamericani, ha emesso una dichiarazione congiunta che metteva in guardia gli sviluppatori di videogiochi dalla creazione di contenuti simili al gioco d'azzardo. Da allora, c'è stato un dialogo costruttivo con molti sviluppatori di giochi e la forza visibile dei nostri sforzi di collaborazione è stata tale che altri tre regolatori hanno successivamente firmato la dichiarazione. Occorre certamente fare di più, ma sono stati compiuti progressi in questo settore. Questo è un altro esempio di dove la collaborazione ha iniziato a fare la differenza. Quindi, per molti aspetti, la mia richiesta di collaborazione non riguarda noi che cerchiamo di fare qualcosa di nuovo, qualcosa di particolarmente innovativo. Si tratta di garantire che i nostri sforzi di collaborazione siano mirati, mirati e mirati.
Nei prossimi mesi e anni, penso che ci siano diverse aree in cui potremmo concentrare i nostri sforzi per migliorare il modo in cui collaboriamo.
Condividere le migliori pratiche e imparare dalle reciproche esperienze è chiaramente un'area in cui tutti possiamo fare di più. Da parte nostra alla Commissione, negli ultimi 18 mesi abbiamo condiviso i risultati del nostro lavoro sulle sfide del settore. E durante tutta la pandemia abbiamo assistito a un impegno immensamente utile a tutti i livelli con molti dei nostri colleghi in tutta Europa per monitorare quali nuovi rischi stavano emergendo a causa dei blocchi, quali azioni stavano intraprendendo gli altri per rispondere al cambiamento dei comportamenti dei consumatori e per vedere cosa stava funzionando e cosa non lo era.

Abbiamo un vero desiderio di costruire su quel tipo di impegno, di continuarlo mentre facciamo i primi timidi passi per uscire dalla pandemia e portarvi uno scopo ancora più grande. Naturalmente, tutti affrontiamo la pressione delle risorse e quindi viaggiare regolarmente in giro per il mondo non è pratico o realistico. Ma gli ultimi 18 mesi ci hanno mostrato che la distanza non deve essere un ostacolo all'impegno e alla cooperazione. Ci sono partner là fuori che possono aiutarci in questo compito. Scegliendone solo uno per illustrare il punto: GREO, lo scambio di ricerche sul gioco d'azzardo, svolge un lavoro eccellente in molte aree diverse, ma il modo in cui riassumono e distribuiscono nuove ricerche sul gioco d'azzardo da tutto il mondo è un ottimo esempio di un modo per condividere meglio le migliori pratiche.

Il secondo ambito in cui penso che potremmo sfruttare ulteriormente le opportunità di collaborazione internazionale è nella condivisione dell'intelligence. Più possiamo condividere l'intelligence e coordinare il monitoraggio e la segnalazione dei rischi emergenti tra le giurisdizioni, più agile ed efficiente sarà ciascuno di noi nell'affrontarli nel proprio cortile normativo.

Ancora una volta, molti di noi regoleranno sempre più le stesse persone e gli stessi operatori. Quelli che deludono i consumatori in Gran Bretagna probabilmente deluderanno anche i tuoi consumatori. Rafforzare il modo in cui lavoriamo insieme in quest'area potrebbe anche contribuire ad aumentare gli standard e i livelli di conformità nelle nostre singole giurisdizioni. Una dichiarazione e una dimostrazione forte, chiara e inequivocabile che in tutte le giurisdizioni abbiamo tutti aspettative altrettanto elevate che gli operatori possano globalizzare le buone pratiche in un momento in cui un mercato globalizzato è sempre più la realtà in cui tutti lavoriamo.

Se gli operatori capissero chiaramente che le loro azioni in una giurisdizione sarebbero condivise e comprese in tutta la comunità di regolamentazione internazionale, aiuterebbe a concentrare le menti. Aiuterebbe a ridurre il rischio che l'industria cerchi di mettere un regolatore contro un altro. Aiuterebbe anche a evitare l'onere delle risorse che può derivare dai modi a volte frammentari e non strutturati con cui a volte cerchiamo informazioni normative l'uno dall'altro.

Sì, ci saranno ostacoli da superare nella condivisione dell'intelligence oltre confine, come le norme nazionali sul trasferimento dei dati e i limiti dei nostri quadri normativi individuali, ma questi non dovrebbero essere insormontabili. Molti di noi condividono già alcune informazioni normative con partner internazionali, ma forse ora è il momento di strutturare maggiormente questo aspetto.

Infine, qualsiasi discussione su una maggiore collaborazione e una maggiore condivisione dell'intelligence solleva naturalmente la questione dell'opportunità di cercare una maggiore armonizzazione degli approcci normativi tra le giurisdizioni. Ora, non sto sostenendo una grande fretta per cercare di creare un unico insieme di regolamenti che si applicherebbero in tutte le giurisdizioni. Tale livello di armonizzazione normativa sarebbe semplicemente irrealistico e molto probabilmente indesiderabile. I dati demografici e le dimensioni delle nostre giurisdizioni variano notevolmente, così come le pressioni esercitate dalle nostre economie e sistemi politici più ampi. Ma allo stesso modo, anche cercare attivamente una divergenza di approccio in un mercato globale del gioco d'azzardo non sarebbe realistico né auspicabile.

In definitiva, abbiamo tutti fondamentalmente gli stessi ruoli da svolgere e condividiamo ampiamente le stesse priorità. Quindi cerchiamo di essere più ambiziosi di quanto siamo stati. Identifichiamo quelle aree in cui abbiamo una sufficiente comunanza di approccio in cui evidenziare e forse rafforzare tali somiglianze potrebbe aiutarci a elevare gli standard in tutte le nostre giurisdizioni. Laddove posizioni politiche condivise, forse anche alcuni codici condivisi sarebbero auspicabili e possibili. Perché dove può esserci una maggiore armonizzazione nei modi in cui cerchiamo di proteggere i giocatori o affrontiamo i rischi, tutti ne beneficiano. Il consumatore trae vantaggio dal sapere che sarà trattato in modo equo ovunque stia giocando. L'industria beneficia delle economie di scala che derivano dalla capacità di conformarsi ad alcuni standard simili ovunque si trovino. E noi, in qualità di autorità di regolamentazione, abbiamo il vantaggio di sapere che, almeno in alcune aree, il nostro impegno per elevare gli standard a casa non sarà indebolito da distrazioni dall'estero".

Concludendo il suo intervento, Miller ha spiegato che come Gambling Commission "continueremo a impegnarci con i nostri vicini europei, ma vogliamo anche lavorare più a stretto contatto con le autorità di regolamentazione in Nord America e altrove. L'apertura dei mercati online in Canada, più recentemente in Ontario, insieme alla continua evoluzione del gioco d'azzardo regolamentato negli Stati Uniti a seguito della decisione della Corte Suprema su Paspa, sta già avendo impatti a catena su altri mercati, come la Gran Bretagna. Vogliamo costruire sulle nostre relazioni esistenti in Nord America per accelerare i nostri sforzi di collaborazione in questa parte del mondo. Vorrei che esaminassimo come possiamo costruire insieme una visione più completa dell'impronta transatlantica degli operatori di gioco d'azzardo attraverso una condivisione di dati e intelligence migliore e più efficiente sotto il profilo delle risorse. Vorrei che condividessimo maggiori informazioni sui nuovi approcci alla protezione dei giocatori: cosa funziona e cosa no. Vorrei che lavorassimo insieme per incoraggiare i ricercatori e le istituzioni accademiche a fare più ricerca transatlantica che metta a confronto e contrasti tra le giurisdizioni. Se fossimo stati in grado di fare questa conferenza di persona, saremmo stati ansiosi di convocare una tavola rotonda con i nostri cugini regolatori in tutto il Nord America per iniziare a esplorare come possiamo cementare relazioni di lavoro più forti attraverso l'Atlantico. Spero che avremo comunque l'opportunità di un impegno più profondo nei prossimi mesi, anche se molto probabilmente in un ambiente virtuale".

E conclude dicendo: "Sapere che ci sono colleghi e partner in tutto il mondo che stanno affrontando le nostre stesse sfide mi riempie di ottimismo sul fatto che abbiamo le basi per affrontare la crescente dimensione internazionale di tali sfide. La regolamentazione del gioco d'azzardo può essere intensa ed è difficile non rimanere a testa bassa, concentrati sulle questioni normative immediate che sono appena arrivate sulla tua scrivania. Ma a lungo termine, l'incapacità di alzare lo sguardo e vedere il più ampio contesto internazionale in cui stiamo lavorando potrebbe ostacolare la nostra capacità di fare davvero progressi nella realizzazione di un mercato del gioco d'azzardo equo, sicuro e ben regolamentato.
Lavorando insieme, collaborando tra di noi, abbiamo un'opportunità molto migliore per creare l'industria del gioco d'azzardo più equa e più sicura che tutti noi desideriamo nelle nostre nazioni. Abbiamo tutti un ruolo da svolgere in questo".

"Quindi, continuiamo a lavorare insieme, a collaborare e a rendere il gioco d'azzardo più equo e sicuro per tutti. Noi della Gambling Commission siamo pronti a fare il passo successivo e sono sicuro che non siamo soli in questo".

Share