Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Uk, Ico: 'Gap, sì a condivisione dei comportamenti dei giocatori'

  • Scritto da Redazione

Nel Regno Unito si punta sulla condivisione dei dati comportamentali dei giocatori per arginare il Gap, i commenti di Ico, Gambling commission e del ministro Philp.

La condivisione dei dati comportamentali dei giocatori tra gli operatori del settore, al fine di identificare le persone che potrebbero essere "a rischio" di danni correlati al gioco patologico tramite una Scv ("visione del singolo cliente", Ndr), può essere lecita ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati del Regno Unito.

È questa la conclusione a cui giunge l'Information commissioner's office - ente pubblico non dipartimentale che riferisce direttamente al Parlamento del Regno Unito ed è sponsorizzato dal Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport – nel suo report sulla fattibilità di tale proposta, lanciata nel 2020 dalla Gambling commission nazionale. Con l'obiettivo di costruire una visione olistica del comportamento di gioco online di un cliente e aiutarlo a non incorrere in comportamenti compulsivi.

 
La pubblicazione del rapporto dell'Ico, si legge in una nota della Gambling commission, “fornisce una guida importante e utile su come un Scv potrebbe essere sviluppata in conformità con la legge sulla protezione dei dati. Tuttavia, ci sono ancora molti problemi e complessità che devono essere affrontati come parte di una fase pilota di lavoro.
In questa fase non abbiamo in programma di imporre una particolare soluzione Scv, da sviluppare e testare, ma ci aspettiamo che l'industria dimostri l'impatto che la sua soluzione pilotata ha contro la sfida che ci siamo posti.
Ora ci aspettiamo che gli operatori si muovano rapidamente verso la sperimentazione della loro soluzione Scv e li invitiamo a farlo in collaborazione con noi e l'Ico, all'interno di un ambiente sandbox (regime normativo transitorio, Ndr)”.
 
Tim Miller, direttore esecutivo della Gambling Commission, dichiara in proposito: “Abbiamo accolto con favore l'impegno iniziale che abbiamo ricevuto dalle società di gioco e dal loro ente commerciale per sviluppare e testare una soluzione. Tuttavia, abbiamo anche riconosciuto le domande che esistevano su come raggiungere questo obiettivo in modo conforme alla legge sulla protezione dei dati. Ecco perché abbiamo collaborato con l'Ico in una fase iniziale e siamo lieti che siano stati in grado di assicurare che i requisiti sulla protezione dei dati non devono essere un ostacolo al progresso.
Ora non vediamo l'ora che il settore inizi rapidamente a sperimentare e quindi valutiamo l'approccio che hanno sviluppato per affrontare la sfida che abbiamo impostato per ottenere una visione unica del cliente".
 
Ian Hulme, direttore dell'assicurazione sulla regolamentazione presso l'Ico, aggiunge: “La visione dietro l'Ico regulatory sandbox era quella di creare uno spazio in cui le organizzazioni potessero testare idee e creare prodotti che avessero un reale beneficio pubblico e apportassero cambiamenti positivi alla società.
Il nostro lavoro finora con la Gambling commission ha davvero dato vita a quella visione della sandbox. Ha dimostrato come le organizzazioni che condividono dati e lavorano insieme possono proteggere gli utenti vulnerabili dai danni del gioco.
Non vediamo l'ora di vedere come si svilupperà questo progetto e accogliamo con favore una futura presentazione da parte della Commissione e dell'industria".
 
Infine, il ministro del gioco Chris Philp sottolinea: “Siamo determinati ad affrontare il problema del gioco patologico e stiamo intraprendendo una revisione completa delle nostre leggi sul gioco per garantire che siano adatte all'era digitale.
Accolgo con favore i risultati dell'Ico secondo cui i dati possono essere condivisi in modo sicuro e protetto tra gli operatori per evitare che i giocatori problematici incorrano in perdite paralizzanti. È essenziale che vengano intraprese più azioni per evitare che le persone diventino pericolosamente dipendenti dal gioco al punto che la loro vita possa esserne rovinata.
Questo è un passo importante verso la protezione delle persone vulnerabili e gli operatori devono ora unirsi per fornire rapidamente una soluzione significativa".
 
Share