Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Uganda: il governo blocca le licenze e nazionalizza le scommesse sportive

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Il governo dell'Uganda interrompre il rinnovo o l'emissione di licenze di scommesse sportive con effetto immediato per nazionalizzare le scommesse sportive.

Colpo di scena in Uganda, nel comparto del gioco pubblico. Il ministro delle finanze, Matia Kasaija, ha scritto al Lotteries and Gaming Regulatory Board, sulla base di una risoluzione del governo che afferma che lo Stato avrebbe il monopolio delle attività di scommesse sportive in tutto il paese. Il divieto è applicabile solo alle imprese straniere "il cui rimpatrio degli utili stava danneggiando l'economia dell'Uganda".

Il governo ha quindi interrotto il rinnovo o l'emissione di licenze a società di gioco e scommesse sportive nuove o già esistenti nel paese "con effetto immediato". Annunciando che assumerà le attività di scommessa sotto un nuovo meccanismo di gestione dei propri interessi nel settore .

Nella missiva inviata dal ministro all'ente regolatore del comparto, viene attuata e ribadita una decisione presa dal governo all'inizio di quest'anno che ha interrotto la concessione o il rinnovo delle licenze di nuove e esistenti attività di gioco e scommesse nel paese.
"Sulla base della risoluzione del Consiglio dei ministri, con la presente vi chiedo di interrompere la concessione di licenze di giochi e scommesse con effetto immediato", si legge in parte nella lettera, come riportato da Daily Monitor. Mettendo in copia nella missiva anche il Segretario del Tesoro Keith Muhakanizi.
La cessazione delle licenze delle società di scommesse era stata rivelata per la prima volta da David Bahati, Ministro delle Finanze per la Pianificazione, all'inizio dell'anno mentre si rivolgeva a una congregazione della Chiesa a Kabale Town. Spiegando che il presidente Yoweri Museveni aveva diretto l'arresto dell'emissione di licenze o il rinnovo di quelli esistenti a tutte le società di scommesse. L'annuncio ha inevitabilmente scatenato un tumulto pubblico e creato tanta confusione, costringendo Kasaija a chiarire il giorno dopo che il divieto proposto era applicabile solo alle imprese straniere il cui rimpatrio degli utili stava danneggiando l'economia dell'Uganda.
"Il Gabinetto ha preso atto della direttiva del Presidente Museveni al Ministro delle Finanze per fermare il rinnovo delle licenze scadute per le attività di scommesse sportive e l'emissione di nuove licenze alle parti interessate. Dopo la scadenza delle attuali licenze rilasciate sulle scommesse sportive, lo stato avrebbe il monopolio delle attività di scommesse sportive in tutto il paese ", si legge nel verbale del gabinetto dello scorso 14 gennaio.
IMBARAZZI ISTITUZIONALI - La lettera dei giorni scorsi è stata invece una risposta a una precedente missiva (del 24 aprile) da parte del presidente del Consiglio di regolamentazione delle lotterie e dei giochi, Manzi Tumubweine, che cercava indicazioni sulle licenze delle società di giochi e lotterie alla luce di precedenti dichiarazioni ritenute contraddittorie. Evidenziando che in assenza di una posizione adeguata e alla luce del loro mandato (ai sensi della sezione 27 del Lotteries and Gaming Act), avevano invitato a presentare le domande di licenza nel 2019, in seguito al processo iniziato nell'ottobre del 2018. "Il consiglio ha ricevuto 60 richieste di licenza per il 2019 e le ha valutate di conseguenza", ha scritto Tumubweine a Kasaija. "Lo scopo di questa lettera è quello di richiedere chiarimenti in merito alla concessione di licenze di giochi e scommesse e la tua guida su come trattare con operatori che si sono applicati in tempo secondo la legge; ha soddisfatto tutti i requisiti per le licenze per il 2019; e sono attualmente in funzione dal momento che il consiglio non ha richiesto loro di interrompere le operazioni mentre presentavano i requisiti mancanti per il rinnovo della licenza".
PROTEZIONE O DIVIETO? - Inoltre, il Vertice per l'Educazione del Ghana vuole che il Presidente Akufo-Addo introduca un atto legislativo in Parlamento per proteggere i giovani nel paese dalle attività delle società di scommesse o istituire un divieto assoluto sulle società di operare all'interno dello Stato. La richiesta era contenuta in una petizione inviata al Presidente, firmata dall'amministratore delegato del gruppo, William Boadi, lo scorso 27 maggio 2019. Chiedendo al Presidente di seguire l'esempio del Presidente ugandese, Yoweri Museveni, che ha ordinato che non dovrebbero essere rilasciate nuove licenze per la costituzione di società di scommesse sportive, giochi e giochi d'azzardo o il rinnovo delle licenze di tali società alla loro scadenza.
I detrattori del gioco pubblico sostengono che le attività delle società di scommesse sportive nel paese stanno incoraggiando i giovani ad essere pigri e ad impegnarsi in attività violente. Sono dell'opinione che l'energia di queste risorse giovanili nel paese potrebbe essere meglio utilizzata piuttosto che sprecarla per sostenere le attività del gioco d'azzardo. Lamentando anche il fatto che i bambini di età inferiore ai 18 anni che dovrebbero andare a scuola possono svolgere le attività di questi centri di gioco di notte e durante il giorno.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.