Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Francia, Arjel: '2018-2019, spesa in calo in tutti i segmenti di gioco'

  • Scritto da Redazione

L'autorità francese di regolamentazione per i giochi online (Arjel) pubblica il suo rapporto di attività per il 2018-2019, spesa dei giocatori in calo su tutti i segmenti.

Dopo un aumento nel 2017 (+ 5 percento), la spesa annuale media per giocatore è diminuita in tutti i segmenti di gioco nel 2018. Questo calo, in tutti i settori, ha raggiunto il 10 percento nel corso dell'anno. La spesa media ora è pari a € 308, il livello più basso dal 2011.

Questo uno dei dati che emerge dalla lettura del rapporto di attività per il 2018-2019 pubblicato dall'Arjel, l'autorità francese di regolamentazione per i giochi online.

Nel dettaglio, il settore delle scommesse  sportive è il principale contributore a questo calo. La spesa media per giocatore in questo segmento è diminuita del 10 percento rispetto al 2017.

La maggior parte di questo calo è attribuibile all'afflusso di nuovi giocatori ricreativi ai Mondiali. La popolazione di scommesse ippiche, che nel corso degli  anni è ringiovanita, ha anche speso in media meno soldi nel 2018 (-7 percento). Questo indicatore è anche in calo nel corso dell'anno nel segmento del  poker (-3 percento).
Nel 2017, per la prima volta, Arjel ha stimato il numero di giocatori attivi reali nel mercato dei giochi online in Francia. Come i Cja, il numero di  giocatori attivi aumenta in tutti e tre i segmenti di gioco. Ammonta a 2,7 milioni nel 2018 e aumenta nella stessa proporzione del numero di Cja (+ 40
percento) rispetto al 2017.

Il numero medio di conti per giocatore, tutti i settori combinati rimane stabile (1,47) tra il 2017 e il 2018.
Nelle scommesse sportive il numero medio di giocatori è il più alto (1,47). Le molteplici offerte di benvenuto degli operatori incitano in particolare i giocatori ad aprire più account.
I giocatori di poker hanno in media solo un account ogni 1,3 giocatori. Ciò è in parte dovuto all'importanza dei programmi di fidelizzazione che spingono i  giocatori a concentrare la maggior parte della propria attività su un singolo account in questo segmento.
Il numero medio di conti attivi per giocatore nelle scommesse ippiche è la più bassa delle tre attività. Sale a 1,15, un livello molto più basso rispetto  agli altri segmenti.
 
 
LE SCOMMESSE SPORTIVE - La quantità di scommesse piazzate sulle scommesse sportive online è stata pari a 3,904 milliardi di euro nel 2018, con un aumento del 56 percento rispetto al 2017. Come negli anni precedenti, gli operatori hanno potuto contare su un significativo aumento del numero di conti di giocatori attivi (+ 61 percento) per guidare la crescita della loro attività.
Ciò ha notevolmente beneficiato dell'impatto del campionato mondiale di calcio 2018: le scommesse impegnate su questa competizione hanno raggiunto 382 milioni di euro, circa il 10 percento delle puntate registrate nel corso dell'anno. Inoltre, durante la competizione sono stati aperti oltre 800.000 conti giocatore, che rappresentano circa un quarto del numero di aperture nel corso dell'anno.
La crescita della somma scommessa è anche attribuibile alla maggiore Trj (con bonus) che ha promosso il riciclaggio dei guadagni fatti: era pari al 84,4 percento quest'anno contro 83,1 percento nel 2017. Al contrario del 2017, gli operatori hanno subito una serie di risultati sfavorevoli, soprattutto durante la Coppa del mondo. Il prodotto dei giochi su questa competizione ha raggiunto 26 milioni di euro, con un Trj del 93 percento .
In totale, la Pbj del settore ha totalizzato 691 milioni di euro, in aumento del 46 percento . Il numero medio di conti di giocatori attivi a settimana è cresciuto del 57 percento nel 2018, un ritmo simile a quello giocatori attivi (+ 61 percento). Questo aumento è uno dei principali motori della crescita nel segmento delle scommesse sportive online.
 
 
L'IDENTIKIT DEI GIOCATORI - Lo scommettitore sportivo è un uomo (circa l'89 percento) con meno di 35 anni (circa il 72 percento) che scommette sugli sport più popolari (calcio, tennis, pallacanestro) e sui più media (campionato francese della Ligue 1, Champions League, tornei del Grande Slam, Nba). Spende in media € 11 per scommessa e la sua spesa media annua nel 2018 è di circa € 315. La maggior parte delle sue scommesse sono registrate da un supporto mobile (smartphone / tablet). È anche l'unica attività di gioco online per cui la proporzione di scommesse piazzate su dispositivi mobili è superiore a quella delle scommesse sul computer.
Lo scommettitore-tipo nell'iippica è un uomo (circa l'84 percento) con più di 35 anni (circa il 74 percento ) che ha messo molto tempo al trotto.
Proviene dai territori francesi dalla forte cultura equina come la Normandia o l'Hauts-de-France, la spesa media nel 2018 è stato pari a € 501 e prende la maggior parte dei suoi aggiornamenti da un computer. Questa è l'attività che ha i giocatori meno attivi e anche quella in cui le donne sono le più rappresentate (circa il 16 percento di tutti i giocatori d'azzardo).
Infine, il giocatore di poker è un uomo (circa l'89 percento ) con meno di 35 anni (circa il 58 percento) che preferisce i giochi cash. Il profilo del giocatore di poker è vicino a quello dello scommettitore sportivo. Tuttavia, si differenzia da quest'ultimo dal terminale di connessione utilizzato (principalmente computer). Questo comportamento può essere spiegato da differenze nelle meccaniche di gioco che a volte si prestano maggiormente a una pratica basata sul computer piuttosto che a un terminale mobile. La spesa media è di € 295 nel 2018.
 
 
IL BILANCIO 2014-2019 - Durante questo periodo, il mercato dei giochi online approvato in Francia ha registrato una tendenza al rialzo confermata negli ultimi tre anni.
L'ammontare delle offerte e delle quote di iscrizione sostenute nei siti degli operatori autorizzati è aumentato del 42 percento.
Il fatturato generato dal settore è cresciuto più rapidamente (+ 66 percento) e ha superato per la prima volta il primo miliardo di euro nel 2018.
Il numero di giocatori vede 4 milioni di conti giocatore attivi nel 2018 contro poco più di 2 milioni nel 2014.
Le scommesse sportive sono state la forza trainante della crescita del settore dei giochi online.
In 5 anni, le offerte hanno investito in questo segmento (3904 milioni di euro nel 2018) e la Pbj (691 milioni di euro) sono aumentate di oltre il 200 percento. Uno dei motivi principali: la popolarità delle scommesse sportive online con il pubblico in generale; il numero di giocatori attivi (3,23 milioni) è quasi triplicato. Questo dinamismo ha attirato due nuovi operatori in questo segmento (13 approvazioni nel 2018 rispetto alle 11 del 2014).
L'evoluzione del poker online è più contrastata.
I principali indicatori economici (scommesse, Pbj e numero di Cja) relativi a questo segmento sono diminuiti tra il 2014 e il 2016. Gli operatori del poker hanno in particolare sofferto il continuo calo delle somme impegnate nei cash game.
Questo calo non è stato compensato dall'aumento delle tasse di iscrizione pagate dai giocatori per partecipare ai tornei di poker in questo periodo.
Grazie alle innovazioni lanciate dagli operatori e alla recente apertura di tavoli internazionali, il mercato del poker online ha riguadagnato la crescita  nel 2017 e nel 2018. Tra il 2014 e il 2018, la crescita delle scommesse e delle entrate nel poker raggiunge il 10 percento quando il Pbj generato da questo  segmento di gioco è aumentato del 7 percento. La mancanza di stabilità dell'attività e la mancanza di reali prospettive di crescita per gli operatori più piccoli è all'origine della forte concentrazione del settore: solo 6 operatori sono stati approvati nel 2018 contro i 12 del 2014.
Il mercato delle scommesse sui cavalli ha seguito una traiettoria simile a quella del poker.
L'importo della puntata, il Bjp ed il numero di giocatori attivi in ​​questo segmento è diminuito in modo significativo tra il 2014 e il 2016. Gli sforzi degli operatori (aumento Trj, distribuzione di bonus, innovazioni), invece, ha permesso di reclutare nuovi giocatori nel 2017 e 2018. Questo aumento del numero di scommettitori è stato il principale motore del rimbalzo dell'attività osservato nel 2017 e nel 2018 in questo segmento. Nel 2018 gli importi annuali di scommesse e il Bjp hanno così riacquistato il loro livello nel 2014 (+ 1,5 percento e + 0,4 percento rispettivamente nel periodo). Il numero di giocatori è aumentato allo stesso tempo del 21 percento.
I risultati per il primo trimestre del 2019, tuttavia, sfumano l'impulso osservato nel 2018. Mentre l'attività sta ancora progredendo nelle scommesse sportive e nei tornei di poker, le scommesse cavallo e cash game sono in leggero calo.
Il fatturato degli operatori su ciascun segmento si evolve in modo simile.
In generale, il mercato approvato rimane fragile, nonostante un miglioramento evidente dal 2014. Oltre alla riforma fiscale, l'attrattiva dell'offerta approvata rimane un fattore essenziale di consolidamento. Sicuramente gli sforzi degli operatori di proporre nuove offerte innovative nelle corse di cavalli e nel poker hanno dato i loro frutti nel 2017 e l'apertura del poker poker europeo, efficace tra Francia e Spagna dall'inizio del 2018, dovrebbe rafforzare il miglioramento. osservato nel poker. Tuttavia, è importante continuare a lavorare con l'obiettivo di diversificare l'offerta approvata che combini la natura ricreativa e attraente del gioco d'azzardo.
 
 

IL COMMENTO DI COPPOLANI - "La mia partenza - scrive il presidente dell'Arjel Charles Coppolani - concluderà un ciclo di 10 anni (2010-2020) caratterizzato da alcuni progressi in termini di regolamentazione, ma soprattutto mantenendo una partizione artificiale del settore e le molte disfunzioni che questo modello di invecchiamento ha generato.
La riforma del regolamento, per la quale ho combattuto al mio arrivo, è stata messa in atto e spetterà al mio successore (e) installarla e farla vivere: una bella sfida e un compito difficile.
Questa è solo una piccola parte del nuovo campo di intervento del regolatore, ma presenta l'interesse ad essere regolato nel pieno senso del termine, in un periodo di profondi sconvolgimenti tecnologici e culturali. È in questo che questa testimonianza può essere utile.
In questo periodo di innovazioni e cambiamenti permanenti che non mancheranno di intensificarsi, l'Autorità di regolamentazione dovrà mantenere gli obiettivi universali e sostenibili stabiliti dalla legge del 12 maggio 2010. La salute dei nostri concittadini e la tutela le questioni di politica pubblica relative al gioco rimarranno la pietra di paragone delle sue azioni e dei suoi risultati".
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.