Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Dl Fiscale, De Luca: 'Provvedimenti sul gioco contrastano l'illegalità'

  • Scritto da Rf

Il deputato del Pd De Luca in commissione Politiche dell’Unione europea segnala che il capo II del Dl fiscale mira a contrastare fenomeni illegali.

“Con riferimento alla materia dei giochi, il capo II del decreto-legge (articoli 24-31) mira, tra l’altro, a contrastare fenomeni illegali: proroga al 30 giugno 2020 e al 30 settembre 2020 i termini per indire le gare relative, rispettivamente, alle concessioni di raccolta delle scommesse e del bingo (articolo 24); aumenta, dal 10 febbraio 2020, la misura del prelievo erariale unico (Preu) sugli apparecchi da intrattenimento (articolo 26); istituisce il Registro unico degli operatori del gioco pubblico (articolo 27) e vieta agli operatori finanziari di trasferire somme di denaro ad operatori di gioco illegali che operano sul territorio nazionale (articolo 28)”.

Questo l'intervento del deputato del Pd Piero De Luca, nella giornata di ieri martedì 12 novembre, in commissione Politiche dell’Unione europea, in merito alle disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili.
 
De Luca, relatore, riferendo sul disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 124 del 2019, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili, ai fini del parere da rendere alla sesta commissione Finanze), di cui la commissione avvia l’esame in sede consultiva, ha ricordato che “il provvedimento consta di 60 articoli, suddivisi in 5 capi: i primi quattro contengono norme di natura tributaria, mentre il capo quinto contiene disposizioni eterogenee, emanate per esigenze indifferibili”.
 
De Luca ha osservato che “il decreto-legge costituisce un asse portante della Manovra e va pertanto letto congiuntamente a quanto disposto dalla legge di bilancio di cui precostituisce rilevanti mezzi di copertura”.

 

 

Share