Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Legge Regione Lazio su Gap, tra dati e proposte

  • Scritto da Amr

Le commissioni competenti della Regione Lazio ascoltano le associazioni sulle conseguenze economiche della legge sul Gap, intanto pronti due studi in materia.

Un duplice appuntamento, per comprendere il fenomeno del gioco con vincita in denaro nel Lazio e le conseguenze economiche sulle attività commerciali della legge regionale n. 5/2013 per il contrasto al gioco d’azzardo patologico, come modificata dalla legge regionale n. 1 del 2020.

Quest’ultima dà un termine di diciotto mesi per la rimozione delle slot machine dagli esercizi commerciali e di quattro o cinque anni delle sale scommesse ubicate entro i cinquecento metri da aree sensibili, quali istituti scolastici di qualsiasi grado, centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente dai giovani, centri anziani, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio assistenziale o luoghi di culto.

Degli aspetti economici si è parlato nell'audizione congiunta con le associazioni del settore, svolta da tre commissioni consiliari della Regione Lazio, la prima, Affari costituzionali e generali, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), la nona, Lavoro, presieduta da Eleonora Mattia (Pd), e l’undicesima, Sviluppo economico, presieduta da Marietta Tidei (Gruppo misto), che si sono riunite in modalità telematica.

L'INTERVENTO DELLE ASSOCIAZIONI- A entrare subito nel vivo del problema, è intervenuto Matteo Marini, membro del consiglio direttivo di Acadi, l’associazione dei concessionari di giochi pubblici che rappresenta il 60 per cento del gioco in Italia. Marini ha esordito con qualche numero nel Lazio: 16.250 persone che percepiscono un reddito da lavoro dipendente dal settore; un milione e ottocentomila consumatori giocatori, quindi un terzo della popolazione maggiorenne del Lazio; circa 6.400 esercizi; la spesa media mensile per famiglia è di circa 4 euro al mese, per il tabacco è sei volte tanto, 24 euro; nel 2019 le risorse erariali sono state pari a circa un miliardo di euro. “Le persone in cura per disturbi da gioco d’azzardo sono 840 – ha detto Marini -, mentre le persone che applicando la nuova norma della legge 5/2013 perderanno il posto di lavoro saranno 6.000 su 16.000”.
Rispettando le regole, secondo Marini, il territorio utilizzabile sarebbe pari allo 0,7 per cento. “Insomma, a fronte di uno 0,01 per cento di giocatori problematici si danneggiano 13.000 famiglie”, secondo Gabriele Perrone, di Sapar Lazio. Sulla stessa lunghezza d’onda, sono intervenuti il presidente di Fiepet Confesercenti Lazio, Claudio Pica, il presidente di Fiegel Confesercenti, Stefano Papalia, Carlo Frumenti di Fit Sts (Federazione italiana tabaccai, Sindacato totoricevitori sportivi), il presidente di Assotabaccai di Confesercenti, Gianfranco Labib, e per As.tro, Claudio Bianchella. Nel corso dell’audizione è poi intervenuto anche il presidente di Acadi, Geronimo Cardia.

LA PAROLA ALLA POLITICA - Per il consigliere Orlando Tripodi (Lega), “con la situazione attuale il minimo che possiamo fare è una moratoria, una proroga, che ci darebbe lo spazio di ragionare con tutto questo mondo, perché sono convinto che con questa legge regionale la Regione Lazio ha sbagliato”. Di diverso avviso, Marta Leonori (Pd), secondo la quale “la previsione legislativa approvata a inizio anno non è così dannosa, e comunque 1,3 milioni di italiani, sono dati di Istat, hanno problemi di ludopatia, dopo di che la legge 2013 stabiliva che in alcuni luoghi non fosse opportuno avere luoghi di gioco. A inizio anno – ha proseguito Leonori - abbiamo stabilito che fosse necessario attuare questa norma del 2013, dando un anno e mezzo per rimuovere le slot e cinque anni per le sale scommesse”. Su posizioni analoghe, è intervenuta Valentina Corrado (M5s), mentre per Lena, “un ragionamento che tenga conto della situazione attuale va fatto”. Nel corso dell’audizione è intervenuto anche il consigliere Massimiliano Maselli (FdI).

L'IMPATTO DEL GIOCO NEL LAZIO - Del tema si parlerà anche nel seminario in programma l'11 novembre, a partire dalle ore 15, dal titolo: "Analisi dell’impatto sociale del settore del Gioco Pubblico nella Regione Lazio". Promosso da Acadi, associazione aderente a Confcommercio - Imprese per l’Italia, esso, come spiegano gli organizzatori, vuole essere un momento di dialogo con le istituzioni per mettere in luce i vari aspetti del settore del gioco pubblico nella Regione Lazio, come su tutto il territorio nazionale, a partire dagli aspetti socio-economici dei livelli occupazionali, dal contributo alle risorse pubbliche erariali, al contrasto a fenomeni di illegalità, fino al coinvolgimento delle strutture sanitarie regionali nella cura delle dipendenze, e in particolare del disturbo da gioco d’azzardo.

Durante l’incontro sarà presentato in anteprima uno studio sull’impatto sociale del gioco nella Regione Lazio curato dalla società Tolomeo Studi e Ricerca nonché lo studio “Gioco Pubblico e dipendenze nel Lazio” realizzato dall’istituto di ricerca Eurispes.

 

Share