Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

50 milioni di multe a società di gioco nel 2020: italiane più virtuose

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Il 2020 è stato un anno anche di grandi sanzioni per gli operatori di gioco internazionali con particolare riferimento a quelli britannici, mentre i brand italiani risultano virtuosi.

Cinquanta milioni di multe. A tanto ammonta il totale delle sanzioni comminate nei confronti delle società di gioco d'azzardo globali nei mercati regolamentati durante il 2020. Stando ai dati presentati da SafeBettingSites, nel corso degli ultimi dodici mesi sono state multate società di gaming per un importo complessivo di 44,7 milioni di sterline pari a circa 50 milioni di euro. Tra gli operatori oggetto delle sanzioni, circa tre quarti provengono dal Regno Unito, mentre non emergono dati significativi provenienti dall'Italia. 

Il “primato” - si fa per dire - spetta a Caesars Entertainment, che ha ricevuto multe per 13 milioni di sterline (14,4 milioni di euro). In seconda posizione si trova invece Betway Uk, che ha ricevuto sanzioni per un valore di 11,6 milioni di sterline (oltre 12,8 milioni di euro), seguita dal gruppo svedese Kindred con 8,59 milioni di sterline (circa 9,5 milioni).

Mr Green, altro brand britannico, è quarto nella classifica dei sanzionati con 3 milioni di sterline (circa 3,3 milioni di euro), seguito da Boylesports Enterprises con multe pari a 2,8 milioni di sterline. Blackrock Media è al sesto posto con 2,04 milioni di sterline di multe.

Il brand di intrattenimento Bgo, sempre del Regno Unito, è settimo con 2 milioni di sterline, seguito da NetBet con 748mila sterline (circa 830mila euro), mentre Triplebet è stata multata per 740mila sterline.

 

LE AZIONI SANZIONATORIE - Le multe derivano da violazioni di vario genere, come la mancata segnalazione di transazioni sospette di riciclaggio di denaro, dichiarazioni di responsabilità sociale e giochi di casinò online non autorizzati. Si tratta di sanzioni che rientrano in un'iniziativa più ampia delle autorità di regolamentazione per migliorare il livello di qualità dell'offerta e quello di tutela dei consumatori nel settore del gaming. Il settore è diventato una componente chiave per varie economie a livello globale, da qui la necessità di un attento monitoraggio.

Le multe analizzate in questo studio possono essere considerate pesanti e vale la pena ricordare che alcune società hanno violato i regolamenti prima del periodo 2020. Non sorprende che il Regno Unito sia in testa nelle sanzioni, poiché negli ultimi anni le autorità di regolamentazione del paese hanno intensificato i controlli e le attività repressive per un vero e proprio giro di vite sul settore. Le autorità di regolamentazione hanno costantemente proposto aggiornamenti alle leggi esistenti per rispecchiare il mercato in evoluzione. Le normative in evoluzione sperano di migliorare il settore e proteggere i più vulnerabili nella società.

Nel 2020, inoltre, il lockdown dovuto al coronavirus ha portato la maggior parte dei casinò a trasformare la maggior parte delle proprie attività online con i regolatori ansiosi di determinare se il trasferimento delle operazioni online ha rispettato le leggi stabilite. Le multe potrebbero arrivare in una fase successiva poiché le indagini su tali violazioni richiedono tempo. La maggior parte delle autorità di regolamentazione, tuttavia, ha agito adottando nuove rigorose misure temporanee per proteggere i consumatori dalla dipendenza dal gioco durante la pandemia. Alcune regioni stanno valutando la possibilità di emanare i regolamenti in modo permanente, un aspetto che contribuisce a più multe poiché la maggior parte delle aziende potrebbe non essere pronta per la piena attuazione.

Una grossa fetta delle multe è dovuta alla condotta di giocatori pesanti. Per la maggior parte delle giurisdizioni, le società di gioco d'azzardo sono tenute a condurre controlli su come questo gruppo di giocatori d'azzardo finanzia le loro scommesse, come condizione per la loro licenza di operare.

Tra le regioni coperte, le autorità di regolamentazione di solito richiedono alle società di gioco d'azzardo di segnalare qualsiasi attività sospetta come il riciclaggio di denaro. Quando le aziende non sollevano tali questioni, le autorità prendono l'iniziativa di indagare sulle violazioni e intraprendere le azioni necessarie.
Nella maggior parte dei mercati regolamentati, le autorità hanno già ordinato una revisione delle leggi esistenti, un aspetto che probabilmente contribuirà a ulteriori sanzioni. Ad esempio, nel Regno Unito, ci sono chiamate a rivedere i programmi delle società di giochi a distanza sui grandi giocatori. Le modifiche proposte alla legge sul gioco d'azzardo sono principalmente volte a proteggere i bambini e le persone vulnerabili dai danni legati al gioco, riducendo al contempo il rischio di crimini legati al gioco d'azzardo.

 

Share