Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ippodromo Livorno, avviso per la gestione: 80mila euro per un anno

  • Scritto da Fm

Comune di Livorno pubblica avviso per gestire l'ippodromo per un anno, offerte fino al 3 giugno e solo da soggetti con fatturato di 3 milioni negli ultimi 3 anni.

Procede a spron battuto l'impegno del Comune di Livorno per la riapertura del'ippodromo Caprilli, in programma a luglio con sei giornate di corse.
Dopo il bando per i lavori di rifunzionalizzazione dell'impianto, l'Amministrazione labronica difatti ne ha pubblicato un altro, per aggiudicarne la gestione per un anno.


Secondo l'avviso, consultabile nella sua interezza a questo link, l'asta pubblica per la concessione patrimoniale per 12 mesi del complesso “Ippodromo Caprilli” si terrà il 4 giugno alle ore 9.30, in una sala del Comune con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, con il canone annuo a base d'asta di 80.400 euro oltre iva.
Per partecipare, dovrà essere recapitato apposito plico di gara; in alternativa detto plico potrà essere fatto pervenire mediante servizio postale pubblico o privato oppure tramite terzi (ad esempio corriere).
Il suddetto plico dovrà risultare sigillato con bolli di ceralacca (oppure controfirmato su tutti i lembi di chiusura) e dovrà pervenire, entro e non oltre le ore 13 del 3 giugno all’Ufficio Informazioni e Relazioni con il pubblico del Comune di Livorno, posto al piano terreno del Palazzo Civico, che provvederà a registrarlo in arrivo ed a consegnarlo al Settore Contratti – Provveditorato – Economato.
Si procederà all’aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida.
 
LE ATTIVITÀ PREVISTE E CONSENTITE - "L'ippodromo dovrà essere utilizzato per le riunioni di corse al galoppo, per attività di bar/ristorazione negli appositi locali realizzati entro il recinto del complesso immobiliare, per la fruizione del verde da parte della cittadinanza.
Potranno inoltre essere svolte all'interno del medesimo complesso iniziative legate al divertimento, alla cultura, allo spettacolo, al tempo libero, allo sport, nonché attività di interesse pubblico ed ogni altra attività compatibile con la destinazione della struttura e con le vigenti previsioni urbanistiche", recita l'avviso.
"Potranno altresì essere consentite attività temporanee di tipo commerciale (fiere, fiere promozionali, fiere specializzate nel settore dell’antiquariato, manifestazioni commerciali a carattere straordinario, mercatini degli hobbisti), enogastronomico, artigianale e di promozione economica (eventi, convegni, mostre ed esposizioni) purché espressamente autorizzate dall'Amministrazione Comunale nel rispetto della normativa vigente in materia commerciale e/o settoriale e purché coerenti con il contesto di inserimento e
rispondenti a criteri di preventiva e idonea programmazione sulla base di un calendario eventi finalizzato alla promozione e valorizzazione del territorio locale concordato con l'Amministrazione comunale".
 
CHI PUÒ PARTECIPARE - Possono partecipare alla procedura di selezione del bando tutti i soggetti, sia italiani che appartenenti ad un Paese membro dell’Unione Europea, in possesso dei seguenti requisiti: "Essere iscritti, per le attività economiche inerenti la gestione di ippodromi e relative corse, nel registro della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura. In caso di raggruppamento o consorzio, tale requisito deve essere posseduto da almeno uno dei soggetti raggruppati o consorziati; avere ottenuto il riconoscimento del ministero delle Politiche agricole e forestali o di analogo ente di livello europeo. In caso di raggruppamento o consorzio, tale requisito deve essere posseduto da almeno uno dei soggetti raggruppati o consorziati; aver gestito con funzione direttivo-organizzative attività inerenti il settore ippico, sportivo legato all'equitazione o di allevamento equino almeno negli ultimi 3 anni. In caso di Ati il requisito deve essere posseduto almeno da una delle imprese che la costituisce".
L'asticella fissata dal Comune prevede che all'avviso possa partecipare un soggetto con un "fatturato globale per esercizio di gestione di attività inerenti il settore ippico o sportivo legato all'equitazione o di allevamento equino, realizzato negli ultimi tre esercizi chiusi, per un importo complessivo di almeno 3 milioni di euro".
Possono partecipare associazioni, fondazioni ed aziende, pubbliche o private, di qualsiasi tipo, anche consorziate, associate o comunque raggruppate tra di loro, Imprese, sia in forma individuale che societaria, consorzi, Raggruppamenti temporanei di imprese (Rti) – costituiti o costituendi. Sono ammessi anche i Raggruppamenti temporanei e Consorzi ordinari di concorrenti se non ancora costituiti.
La commissione giudicatrice della gara sarà nominata con apposito atto dopo la scadenza del termine di presentazione delle offerte.
 
Share