skin

Giovani e gioco d'azzardo in Uk, la Gambling commission tira le somme per il 2021-2022

11 novembre 2022 - 10:29

Pubblicato il rapporto della Gambling commission del Regno Unito prodotto da Ipsos sui giovani e il loro comportamento, atteggiamenti e consapevolezza nel gioco d'azzardo.

Scritto da Redazione
gamblingcommission.jpg

Il 31 percento dei ragazzi tra gli 11 e i 16 anni ha speso i propri soldi per il gioco d'azzardo nei dodici mesi precedenti la partecipazione al sondaggio. Durante questo periodo, i tipi più comuni di attività di gioco per cui i giovani hanno speso i propri soldi erano legali o non prevedevano prodotti soggetti a limiti di età, vale a dire: giocare a macchine da gioco arcade come il penny pusher o la gru (22 percento), piazzare una scommessa per soldi tra amici o familiari (15 percento), giocare a carte con amici o familiari per soldi (5 percento). Il 23 percento dei giovani ha speso i propri soldi in forme regolamentate di gioco d'azzardo.

Sono alcuni dei dati che figurano nello studio annuale della Gambling commission, prodotto da Ipsos, che esplora i comportamenti di gioco tra i giovani del Regno Unito.

L'indagine ha esaminato l'esperienza e i comportamenti di gioco, come il luogo in cui i giovani giocano e con chi, la percezione del gioco e la consapevolezza della pubblicità del gioco. Il sondaggio ha anche posto una serie di domande relative a potenziali problemi associati al gioco d'azzardo e ha utilizzato la schermata del gioco d'azzardo problematico del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali 4a edizione - Giovani a risposta multipla (Dsm-IV-Mr-J) per classificare i giocatori d'azzardo come a rischio o giocatori problematici.

Lo screening per il gioco d'azzardo problematico adattato ai giovani (Dsm-IV-Mr-J) ha identificato lo 0,9 percento degli 11-16enni come giocatori problematici, il 2,4 percento come giocatori a rischio e il 27,3 percento come giocatori non problematici.

La maggior parte (78 percento) dei giovani che hanno speso i propri soldi al gioco negli ultimi 12 mesi, lo ha fatto perché lo considera una cosa divertente da fare. Mentre uno su cinque (21 percento) concorda sul fatto che il gioco d'azzardo li fa sentire felici, alcuni (29 percento) non sono d'accordo sul fatto che li renda felici e la stessa proporzione (29 percento) non era sicura in entrambi i casi.

Tre giovani su dieci (28 percento) hanno visto i membri della famiglia con cui convivevano giocare d'azzardo, fatto che, secondo il 7 percento del campione, aveva provocato litigi o tensioni a casa. Tuttavia, uno su dieci (11 percento) ha affermato che il gioco d'azzardo da parte di un membro della famiglia ha aiutato a pagare le cose a casa, ad esempio vacanze, viaggi o club.


Il rapporto è consultabile nella sua interezza a questo link.

Altri articoli su

Articoli correlati