Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

New slot: migliaia di nulla osta in arrivo a rimpinguare il basket

  • Scritto da Ac

Dopo le segnalazioni dei concessionari e l'analisi dei Monopoli,l'arrivo circa 8mila nulla osta nel basket potrebbe risolvere la situazione.

Dopo la fase di sostanziale stallo del sistema di aggiornamento del cosiddetto 'basket' di sistema - il serbatoio virtuale nel quale confluiscono i nulla osta utili per la messa in esercizio delle new slot a disposizione dei concessionari - e le richieste di intervento da parte delle società che gestiscono le reti di apparecchi da intrattenimento, la situazione sembra destinata a risolversi nei prossimi giorni. E con tutta probabilità, in maniera 'naturale', senza cioè bisogno di un intervento correttivo da parte dei Monopoli di Stato attraverso una circolare o una nota operativa, come sembrava inevitabile fino a qualche giorno fa.

Dopo le lieve spinta in avanti di questa settimana - con il basket che, come anticipato, ha contato circa 1500 nulla osta disponibili - a compensare la penuria delle precedenti, quando i concessionari avevano a disposizioni poche unità a testa, secondo le stime ed elaborazioni di GiocoNews.it, già dalla prossima settimana potrebbero liberarsi quasi 3500 nulla osta, in virtù della decadenza di ufficio imposta dalla norma che prevede un limite massimo di 90 giorni (anche non consecutivi) di mancata raccolta per ogni macchina.

 
I NULLA OSTA IN ARRIVO - Questo significa che, a partire dalla settimana successiva (cioè l'ultima di luglio), il basket dovrebbe acquisire una disponibilità di qualche migliaio di titoli, come attendevano i concessionari, che potrebbe addirittura moltiplicarsi, nei giorni successivi, in virtù della ulteriore decadenza di ben oltre 4mila nulla osta, prevista per i primi di agosto.
Se tutto ciò avenisse, dunque, i Monopoli potrebbero ritenere superfluo, o comunque non più urgente, l'intervento correttivo, nonostante gli uffici preposti - secondo quanto apprende GiocoNews.it - avrebbero già pronta la nota riparatoria. Il condizionale tuttavia è d'obbligo, tenendo conto che gli apparecchi  prossimi alla decadenza da cui scaturisce il conto precedente, potrebbero anche essere dismessi dagli stessi concessi concessionari. E se questo dovesse avvenire, vorrebbe dire che i tempi potrebbero  allungarsi ulteriormente per la disponibilità di nuovi diritti.
 
I NUMERI DELLA RETE - La situazione attuale, tuttavia, secondo le elaborazioni di GiocoNews.it, vedrebbe un numero di poco speriore alle mille unità di nulla osta "decaduti" ma non ancora elaborati, che si trovano pertanto in un 'limbo' che consiste nella fase di transito che precede l'inserimento nel basket.
Mentre a disposizione dei concessionari ci sarebbero circa 5000 titoli in virtù del "diritto di prelazione" previsto dalla norma per le richieste di sostituzione diretta di una macchina (nel caso in cui viene dismesso un apparecchio chiedendo contestualmente l'attivazione di uno nuovo per una evidente sostituzione); diritto che era stato inserito dal regolatore per favorire il ricambio degli apparecchi sul territorio in virtù della necessità di cambiare (e con urgenza) l'intero parco macchine in attività durante l'anno corrente scaturita dall'introduzione della nuova tassazione sulle slot e la possibilità di installare macchine con payout inferiore rispetto a quelle prodotte fino al 2015. Nei prossimi giorni, pertanto, si conoscerà il futuro del basket di sistema e della disciplina di aggiornamento, che continua ad essere oggetto di attenzione (e preoccupazione) per molti concessionari. Non a caso, proprio su questo tema, si è tenuto un incontro tra i rappresentanti di alcune società e i dirigenti dei Monopoli allo scopo di monitorare lo stato della rete e comprendere le eventuali anomalie. Ma i problemi, come detto,  potrebbero rientrare. Ed è proprio quello che auspicano gli addetti ai lavori. Qualunque sia la soluzione.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.