Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Centro Tutela Consumatori: "Aams comunichi i dati su dislocazione slot machine, bene Dl Sanità su pubblicità"

  • Scritto da Mc

centrotutelaconsumatoreIl Centro Tutela Consumatori commenta il Dl Sanità, in cui ci sono misure riguardanti il gioco. “Il decreto legislativo ha fissato alcune regole per una maggiore trasparenza, in particolare per quanto riguarda le probabilità di vincita e i divieti di pubblicità. Ai giocatori viene così almeno riconosciuto il diritto ad essere informati in modo corretto. Dal 1° gennaio 2013, sui messaggi pubblicitari dei giochi d'azzardo ancora consentiti, ma anche sui tagliandi di gioco, dovranno essere indicate le probabilità di vincita. Nel caso in cui le informazioni necessarie a garantire la trasparenza siano molte, queste dovranno essere messe a disposizione tramite internet e nei locali in cui si effettuano le giocate.

Questo, in pratica, significherebbe pubblicare anche le vincite già assegnate, in quanto queste influenzano fortemente le probabilità di vincita del momento.

I giochi d'azzardo non sono un ‘prodotto’ qualsiasi, bensì qualcosa da maneggiare con estrema prudenza. Le autoregolamentazioni, vedi ad esempio quelle che fanno riferimento al ‘gioco sicuro’, non funzionano; spetta quindi alla politica il compito di adottare misure atte a tutelare in maniera davvero adeguata i giocatori, contrastando la dipendenza dal gioco d’azzardo. Servono inoltre controlli più efficaci riguardo l’età dei giocatori, come anche misure per contrastare le manipolazioni delle scommesse sportive e altri tipi di truffe in questo ambito. In breve, è ormai ora di introdurre misure efficaci e sensate che tutelino veramente i giocatori, prevenendo anche le dipendenze dal gioco. La dipendenza dal gioco rappresenta un problema non solo per il giocatore stesso, ma per tutti coloro che gli stanno intorno.

Per quanto riguarda il ruolo dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, sarebbe utile e opportuno che venissero resi pubblici i dati del numero e della dislocazione delle macchinette da gioco sul territorio nazionale. A quanto pare il Ministro per la Salute non ha, a riguardo di questa questione, voce in capitolo. Il Ministero per l’Economia e le Finanze, da parte sua, pare invece intenzionato solo a proteggere le cospicue entrate per le casse dello Stato derivanti dal gioco. Visto il notevole giro d’affari che sta dietro al gioco, è anche opportuno chiedersi chi siano coloro che giocano così tanto e se il fenomeno non sia riconducibile, almeno in parte, a quello del riciclaggio di denaro sporco. In ogni caso, un’efficace prevenzione del riciclaggio e un monitoraggio costante non nuocerebbero affatto”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.