Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Convegno As.Tro Aams e Agenzia Entrate, Piancaldini (AdE): "Linee guida e trasparenza per prevenire i controlli al settore slot"

  • Scritto da Sara Michelucci

agenzia-delle-entrate-324Roma - Entra subito nel vivo il convegno che si sta svolgendo a Roma, presso il Ripa Hotel, organizzato dall'associazione che riunisce gli addetti ai lavori del settore degli apparecchi di intrattenimento AsTro e che prevede la partecipazione dell'Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Confindustria e esperti contabili.

“Aspetti contabili e fiscali relativi alla gestione degli apparecchi da gioco lecito di cui all’art. 110 TULPS, comma 6 lett. A. Problematiche interpretative emerse nel corso delle verifiche dell’Agenzia Delle Entrate“, il tema del convegno.

“Il convegno di oggi mira a fare chiarezza su temi molto importanti per il settore delle slot con i principali attori e le autorità che regolano questo mercato. Si parlerà di temi molto importanti tra cui quello degli accertamenti del 2007 che per questo settore è a dir poco cruciale”, ha introdotto il moderatore dell'incontro, il direttore di Gioconews.it Alessio Crisantemi.

Subito la parola passa a Mario Piancaldini, Capo Ufficio Imprese minori e lavoratori autonomi – Settore Analisi e Strategie – Direzione Centrale Accertamento dell'Agenzia delle entrate.

“AsTro si e' interfacciata subito con Aams e Ade per capire la natura della nostra attività di controllo. L'obiettivo ora è dare linee guida per evitare in futuro che si debba ricorrere ad un'attivita successiva di controllo. Questa e' la nostra volonta. L'agenzia delle entrate mira a essere trasparente per evitare di ricorrere a controlli successivi”, spiega Pancaldini. Prevenire meglio che curare, quindi.

Pancaldini spiega il perché dei controlli: “Volevamo cercare di fare un'analisi puntuale dei gestori e degli esercenti, cercando di individuare le situazioni discrepanti. Mancava una individuazione da parte dei concessionari della quota che il gestore deve riconoscere all'esercente. Abbiamo chiesto ai concessionari i dati di dettaglio di gestori ed esercenti che avevano avuto rapporti con loro per le verifiche”.

Ma non è finita qui: “Dai concessionari acquisiremo anche i dati dal 2009 al 2011 su awp e anche per le vlt”.

In conclusione del convegno, Piancaldini prende poi la parola per sollecitare “Massima trasparenza e collaborazione nei confronti degli uffici fornendo la documentazione utile. È questo che chiediamo oggi ai gestori per i controlli che in futuro potrebbero esserci. Noi dobbiamo partire dal dato del concessionario e qualora ci fossero discrepanze gli uffici sono già sensibilizzati e cercare di non arrivare al contenzioso. Per il futuro adottate gli indirizzi che stiamo dando sulla tracciabilità dei passaggi”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.