Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Curcio (Sapar): 'Basta criminalizzare settore apparecchi'

  • Scritto da Redazione

Il presidente di Sapar, Raffaele Curcio, ribadisce che gli operatori del comparto operano in maniera legale e sotto il controllo dello Stato.

“Basta ipocrisie. Criminalizzare in modo indiscriminato il settore degli apparecchi da intrattenimento non può essere tollerato ulteriormente. Deve essere chiaro che gli operatori del comparto operano in maniera legale e sotto il controllo dello Stato. Macchine manomesse collocate in bische clandestine sono estranee al nostro operato”.

Così Raffaele Curcio, presidente Sapar, l’associazione nazionale apparecchi per le pubbliche attrazioni ricreative, che rappresenta oltre 1.700 aziende e circa 200.000 lavoratori, in occasione della trasmissione Mi Manda Rai3.

“Al sottosegretario Baretta, presente in studio, ribadiamo che laddove c’è illegalità sarà premura dell’esercente e del gestore denunciare l’abuso”, dichiara Curcio.

"Tuttavia nel servizio andato in onda si fa chiaramente riferimento ad apparecchi manomessi. Non a caso, il soggetto intervistato ha specificato che le sale dove sono installate queste macchine sono illegali. Siamo i primi a dire che apparecchi e sale illegali, e qualsiasi tipo di offerta illecita come quelle presentata nel servizio, devono essere denunciate alle autorità competenti, perché nulla hanno a che vedere con gli apparecchi gestiti regolarmente, collegati e monitorati”.

Il presidente Sapar chiarisce ancora una volta che “noi stessi chiediamo costanti controlli, come d’altronde già avviene regolarmente, ma se fosse necessario chiederemmo a gran voce di intensificarli, al fine di tutelare tutti i giocatori, soprattutto quelli a rischio dipendenza”.

Curcio è estremamente convinto che “le slot sono ormai diventate un capro espiatorio. Ci sono offerte di gioco come le Videolottery, i Gratta & Vinci e il lotto che non vengono mai citate nè presi in considerazione. Eppure, in un altro servizio della stessa trasmissione è stata data la parola ad un tabaccaio che ha chiaramente riferito di avere slot installate nel proprio negozio proprio per timore che venga privato dal concessionario della possibilità di gestire Gratta & Vinci e il Lotto, che sono la sua fonte economica principale, senza la quale sarebbe costretto a chiudere l’attività. E’ la dimostrazione che la domanda di queste tipologie di gioco superino di gran lunga quella delle slot. Ma nessuno prende in considerazione questo aspetto, nonostante i rischi in termini di dipendenza che proprio Gratta & Vinci e lotterie possono causare”.

Il presidente Sapar è convinto che “si debba tornare ad una visione reale e completa delle cose: l’informazione deve essere fatta in maniera chiara e soprattutto corretta, a 360 gradi. E soprattutto rispettando le migliaia di aziende sane, alle centinaia di migliaia di lavoratori e relative famiglie che da questa attività lecita e trasparente traggono il loro sostegno. A questo fine chiediamo che sia avviato un dibattito serio per riportare la discussione sui binari della realtà, senza mai dimenticare la necessaria tutela delle persone più esposte ai rischi patologici e l’importanza del ruolo della prevenzione. L’approccio culturale necessario è quello seguito e utilizzato per tutte le altre dipendenze. Sapar è da sempre favorevole ad un riordino del settore, che passi attraverso una riduzione complessiva dell'offerta da attuare per gradi e che riguardi tutte le tipologie di gioco. “Ma per farlo è necessario aprire un confronto serio tra gli operatori della filiera e i rappresentanti istituzionali. Ci auguriamo che il Governo, in particolare il Sottosegretario Baretta, avvii un tavolo per discuterne in modo aperto e costruttivo” conclude Curcio.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.