Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Nicolai (Cgia Mestre): 'Gioco, da settore slot e Vlt 57mila addetti'

  • Scritto da Ca

Daniele Nicolai, ricercatore della Cgia Mestre, stima numero addetti del settore apparecchi in 57mila unità, 145mila se si conta tutta l'occupazione collegata.

Roma - “Il comparto del gioco lecito che consente vincite in denaro è molto complesso. Awp e Vlt generano tantissime attività tra gestori sale e di apparecchi e poi ci sono manutentori, esportatori e tutto l’indotto e il contorno come bar, sale e tabaccherie. Sono tantissimi profili di lavoro, una criticità che può sovrastimare il settore specifico ma c’è anche un rischio di sottostimare l’industria. Il codice Ateco si riferimento è quello che riguarda scommesse, lotto, totocalcio e quelle più specifiche. Registriamo 12mila aziende per 34mila addetti”.

 

Ad evidenziarlo è Daniele Nicolai, ricercatore della Cgia Mestre, nel suo intervento al convegno “Occupazione, fiscalità, territorio: quale futuro? Radiografia del settore degli apparecchi da gioco”, organizzato da Assotrattenimento 2007 – As.Tro e Cgia Mestre a Roma oggi, 4 luglio.
 
 
“Abbiamo fatto un focus sul comparto più diretto con Lombardia, Lazio,veneto e Campania in testa. Qui abbiamo registrato molti meno addetti. In venti province sono concentrati il 60 percento degli addetti. Il numero degli addetti ogni 100mila abitanti si concentra principalmente in alcune province tra Roma-Frosinone-Isernia e che risale verso Macerata e Fermo”, prosegue Nicolai.
 
 
“Ci sono sale pure e sale integrate dove la presenza delle macchine influisce molto sui ricavi. Dobbiamo capire quanti dipendenti di queste ultime sale sono effettivamente sostenuti dalle macchine. L’obiettivo è di non sparare numeri a caso ma essere il più possibile attinenti alla realtà. Pur con la prudenza dei dati e delle fonti ufficiali si registrano ben 57mila addetti. E 8mila sono specifici. Dal Ries siamo partiti da 5mila sale dedicate e abbiamo stimato un numero medio di 3 addetti. Questo sulla base di analisi anche precedenti e dei dati di mercato. Influisce molto l’orario di apertura che costringe i gestori delle sale ad aumentare i dipendenti. I gestori specifici sono 12.094. Il settore assimilato è stimato in 27.888 addetti (esercizi in cui sono presenti Awp e Vlt). Si è rivisto il fatturato e calcolato il costo del lavoro medio per un impiegato di quarto livello e da qui esce il numero in questione. Avessimo preso tutta l’occupazione collegata a questo esercizi saremmo a 145mila addetti. Ma è tutto collegato e se c’è un fallimento si chiude e perdono tutti il lavoro. In questa simulazione non ci sono i concessionari”, rimarca il ricercatore della Cgia Mestre.
 
 
 
Share