Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Nuovo regolatore a Curacao: regole più severe su licenze di gioco online

  • Scritto da Redazione GiocoNews.it
  • Published in Normativa

L'Olanda mette in regola il gaming a Curacao: con il 'pacchetto Paese' si risolve la criticità che affligge i mercati di tutto il mondo.

Un pacchetto di misure rivolte al Paese, concordato tra i governi di Curaçao e dei Paesi Bassi, impone la creazione e la preparazione di un organismo di regolamentazione per il settore del gaming entro il 1° marzo 2021. Gli operatori autorizzati sull'isola – da tempo patria del gaming offshore - dovrebbero iniziare a pagare le tasse di licenza, le tasse aziendali e le tasse sul gioco online. Non solo. A partire da quella data gli operatori locali non saranno più autorizzati ad accettare giocatori da altri territori, tranne alcuni paesi che accettano espressamente licenze da Curaçao.

Il governo locale ha accettato la “spinta” dei Paesi Bassi a introdurre nuove restrizioni e regole per il rilascio di licenze ai casinò online e alle società di scommesse. Ciò accade anche in virtù del fatto che, per ridurre le conseguenze della pandemia, la nazione insulare ha appena ricevuto sostegno finanziario dai Paesi Bassi. Dopo aver ottenuto la sua seconda tranche di finanziamento a maggio 2020, il governo olandese ha comunicato a Curaçao che il suo sostegno non sarebbe più arrivato senza l'assunzione di alcuni obblighi da parte della nazione, come riportato dal Curacao Chronicle. L'introduzione di alcune restrizioni per la concessione di licenze per il gioco d'azzardo online e altre modifiche nel modo in cui Curaçao gestisce le questioni relative alla sua industria del gioco d'azzardo sono state delineate in un cosiddetto “Pacchetto Paese(Landspakket) concordato tra i governi di Curaçao e Paesi Bassi.

UNA RIVOLUZIONE GLOBALE - Un cambiamento che, oltre a riscrivere le regole del gioco (letteralmente) sull'isola, è destinata a cambiare radicalmente anche il mondo del gaming online a livello globale, tenendo conto che oggi diverse migliaia di casinò online e siti di scommesse attualmente operano con licenze rilasciate a Curaçao. Anche se questi stessi siti si rivolgono spesso a clienti provenienti da territori in cui non sono autorizzati ad operare, compresa l'Italia, ma anche – e soprattutto - i Paesi Bassi. Motivo per il quale l'Olanda ha fatto pressioni per risolvere una volta per tutte la questione, anche alla luce dell'ormai imminente regolamentazione del gaming nel paese dei mulini.

LA RIFORMA DEL GAMING - Curaçao dovrà ora formare un nuovo regolatore indipendente che avrà il compito di supervisionare l'industria del gioco d'azzardo della nazione e di rilasciare licenze agli operatori di igaming interessati. L'organismo di regolamentazione deve essere istituito e pronto entro il 1 marzo 2021. L'autorità di regolamentazione dovrà inoltre revocare le licenze degli operatori che non rispettano le norme e i regolamenti locali.

Gli operatori autorizzati a Curaçao potrebbero essere costretti a iniziare a pagare canoni di licenza, tasse aziendali e tasse sul gioco d'azzardo sui ricavi generati dall'offerta di servizi di gioco d'azzardo online. Inoltre, gli operatori con licenza locale non saranno più autorizzati ad accettare giocatori da altri territori, ad eccezione di alcuni paesi che accettano licenze da Curaçao. In base alle disposizioni del Pacchetto Paese, Curaçao e il suo futuro regolatore dovranno elaborare un piano entro il 1° settembre 2021 per impedire ai titolari di licenza di prendere di mira i clienti provenienti da territori vietati e per garantire che le loro operazioni siano conformi alle regole.

Ciò significa che gli operatori con licenza di Curaçao non devono più rivolgersi ai giocatori dei Paesi Bassi. Quel paese stesso è pronto a riorganizzare il suo mercato del gioco d'azzardo online entro il 1° settembre 2021 nel tentativo di introdurre un sistema di licenze che consentirebbe solo agli operatori autorizzati di servire i giocatori locali e punirebbe tutti coloro che violano le norme e i regolamenti.

 
Share