Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Le associazioni del gioco europee a Barnier: "Lotta a operatori illegali sia una priorità"

  • Scritto da Sara
  • Published in Generale

I presidenti delle tre principali associazioni del settore del gioco, Friedrich Stickler dell’ European Lotteries; Philippe Germond dell’European Pari Mutuel Association e Ron Goudsmit dell’ European Casino Association, hanno scritto una lettera al commissario del Mercato Interno, Michel Barnier, sottolineando: “Vorremmo partire dai punti del piano d’azione sul gioco online recentemente adottata dalla Commissione europea. I nostri membri hanno creato più di 750.000 posti di lavoro, attraverso l’occupazione diretta e indiretta nell’Unione europea.

Avendo diritti esclusivi, autorizzazioni o licenze in tutti i paesi dell'Unione Europea, i nostri membri offrono prodotti di gioco, sia offline che online, solo in quelle giurisdizioni in cui sono specificamente autorizzati a farlo, nel rispettivo governo nazionale o regionale competente. I membri delle nostre associazioni lavorano per l’interesse pubblico e per la promozione di una gestione responsabile delle attività e sono fortemente coinvolti in tutte le iniziative che mirano a rafforzare la regolamentazione del gioco d’azzardo a livello locale, nazionale, regionale e internazionale.

Le nostre associazioni e i loro membri hanno partecipato attivamente al processo di consultazione organizzata dai vostri servizi in seguito alla pubblicazione del Libro verde sul gioco online nel mercato interno e sono quindi molto attenti ai follow-up delle azioni intraprese da questa iniziativa.
Come tale, abbiamo dei sentimenti contrastanti circa la comunicazione (e il suo piano d'azione), adottata il 23 ottobre 2012.

LA POSIZIONE SULL'ACTION PLAN - Accogliamo favorevolmente francamente alcune delle iniziative annunciate in questo contesto. Ad esempio, per quanto riguarda la lotta contro la frode e il riciclaggio di denaro, le nostre associazioni, naturalmente, sostengono l’attesa revisione della direttiva 2005/60/CE che dovrebbe estendere il campo di applicazione della direttiva attualmente in vigore a tutte le attività di gioco, nella misura in cui tale estensione prende di mira molte delle nostre attività come i giochi con puntate basse e il reinvestimento delle vincite da parte dei giocatori.

Lo stesso vale per la promozione della integrità nello sport. I membri di El e Epma che offrono scommesse sportive e contribuiscono in maniera significativa al finanziamento della quota di sport, e per il fatto che si tratta di una questione che dovrebbe essere affrontata come una priorità. Abbiamo tuttavia desiderio di sottolineare che tale azione deve essere condotta in modo coerente nel proporre strumenti efficaci e attraverso una stretta partecipazione del movimento sportivo.

Infine, le nostre associazioni sostengono l’iniziativa di facilitare la cooperazione amministrativa e la cooperazione tra le autorità di regolamentazione del gioco e, naturalmente, il principio della tutela dei consumatori e dei cittadini, dei minori e dei gruppi vulnerabili, in particolare.

Tuttavia, per quanto riguarda la tutela dei consumatori e la pubblicità sul gioco, molti stati membri e molti degli attori responsabili del settore vedono le loro aspettative frustrate. L’elaborazione di una serie comune di principi volti a tutelare i consumatori, l’obiettivo dichiarato nelle raccomandazioni annunciate, sono certamente un obiettivo lodevole. Tuttavia, ci sembra che, per le seguenti ragioni significative, questo processo potrebbe iniziare con il piede sbagliato.

LA LOTTA AI SITI ILLEGALI - In primo luogo, questo esercizio sarà privo di significato, se non si tradurrà nelle conseguenze desiderate, dando la priorità alle due leve principali di tutela dei consumatori: la lotta contro le offerte di gioco illegali, la cui prestazione transfrontaliera all'interno dell'Ue e di paesi terzi è facilitata dal progresso tecnologico; regole rigide o il divieto, dopo una valutazione condotta a livello di ciascuno degli stati membri, per le forme di gioco che sono le più pericolose in termini di frode, riciclaggio e dipendenza, le cui conseguenze, sia sociali che economiche, possono essere disastrose per i giocatori.

Le associazioni attendono con ansia il sostegno della Commissione europea per l’adozione di misure che garantiscano un elevato livello di tutela dei consumatori da parte degli stati membri. Tuttavia, tali misure possono essere applicate solo agli operatori giuridici. Mentre non toccano gli operatori senza licenza, che non rispettano le leggi degli stati membri in cui si offrono i loro servizi, operando su paradisi fiscali, così come anche esimendosi dal pagamento delle tasse. Queste misure allo stesso modo non hanno alcun effetto sui servizi che offrono, che non danno alcuna garanzia per i consumatori europei in termini di salvaguardia del patrimonio, pagamento delle vincite, integrità dei giochi o messa in guardia contro il gioco eccessivo.

La Commissione e i suoi servizi, tuttavia, non sembrano mostrare che la lotta contro le offerte di gioco illegale sia una priorità da affrontare. La diffusa disponibilità del gioco illegale, a differenza del regolamento degli operatori autorizzati che rientra nella competenza esclusiva dello stato membro, è un problema transfrontaliero, che richiede quindi una risposta forte e comune a livello dell'Unione europea.

Alla luce di questo, sembra che nella prossima raccomandazione della Commissione europea sulla tutela dei consumatori non riuscirà nel suo obiettivo a meno che la lotta contro le offerte di gioco illegali, che è una priorità condivisa da parte degli stati membri e dei membri delle nostre associazioni, venga posta al centro di questa strategia.
LE MISURE SULLA PUBBLICITA’ - Lo stesso problema vale per le misure in materia di pubblicità responsabile. Queste non possono omettere l’urgente necessità di vietare qualsiasi comunicazione commerciale per le offerte di gioco d’azzardo illegale, indipendentemente dal mezzo, in particolare pubblicità televisiva da parte degli operatori illegali in alcuni paesi, attraverso i canali televisivi diffusi via satellite.

Il divieto di comunicazioni commerciali sulle offerte di gioco illegale, che è in atto in diversi paesi europei, è infatti una delle misure più efficaci contro il gioco illegale, insieme con gli elenchi dei siti di operatori di gioco autorizzati (white list) e siti illegali (bòack list), e bloccando l’accesso a siti non autorizzati e ai flussi finanziari relativi alle attività di gioco illegale. Le nostre associazioni e i loro membri ritengono che tali misure di esecuzione nei confronti degli operatori illegali debba imperativamente essere integrate nella raccomandazione relativa alla protezione dei consumatori che si sta preparando ed è auspicabile che siano rapidamente adottati da tutti gli Stati membri, che dovrebbero collaborare strettamente e continuamente per migliorare l’efficacia della loro attuazione.

UN SETTORE MOLTO PARTICOLARE - Più in generale, riteniamo che la Commissione non ha tenuto sufficientemente conto delle specificità del nostro settore le cui attività non possono essere considerate come servizi di altri servizi. Ricordiamo che la maggior parte degli Stati membri dell'Ue sono a favore di una regolamentazione nazionale del gioco. A causa dei rischi noti e riconosciuti, il nostro settore richiede un'attenzione particolare, una regolamentazione idonea per affrontare i pericoli insiti nel gioco in modo più appropriato, tenendo conto delle caratteristiche culturali, sociali e storiche di ciascuno stato membro. La specificità di questo settore, nonché le conseguenze che ne derivano devono essere prese in considerazione durante le discussioni sulle iniziative in programma, tra cui la tutela dei consumatori e la pubblicità responsabile. Se ciò non fosse, i pericoli derivanti dal gioco non sarebbero affrontato in modo sano e responsabile.
Per spiegare ulteriormente le nostre preoccupazioni e andare avanti insieme verso soluzioni costruttive, vorremmo chiedere un incontro congiunto”.


Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.