Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Gioco online, lavori in corso per la gara su 40 concessioni

  • Scritto da Mc
  • Published in Generale

L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli al lavoro sulla nuova gara per il rinnovo delle concessioni di gioco online da bandire a giugno.

Entro aprile l'invio al Consiglio di Stato per il necessario parere, entro giugno, quindi nel prescritto termine di legge, la pubblicazione in Gazzetta. Questi i tempi della gara per quaranta concessioni di gioco online alla quale i tecnici dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli stanno lavorando.

Prevista dalla legge di bilancio 2020, la gara prevede un totale di quaranta concessioni, della durata di nove anni, e vi potranno partecipare solo soggetti che hanno sede legale nello Spazio economico europeo.

Secondo le indiscrezioni raccolta da GiocoNews.it, le concessioni potrebbero essere rese operative dal 1° gennaio del 2023 e la base d'asta fissata sui 2,5 milioni di euro: ciò significa che allo Stato potrebbe portare almeno 100 milioni di euro tenendo conto delle 40 assegnazioni. Ma tutto dipende dalla formulazione definitiva che prenderà il testo, attualmente ancora in via di definizione e che dovrà, soprattutto, superare diversi vagli oltre a ottenere il parere preventivo da parte del Consiglio di Stato.

Come noto, la gara si sarebbe dovuto tenere entro dicembre 2020, ma il Covid-19 ne ha inevitabilmente allungato i tempi, come quelle delle altre gare “terrestri” il cui slittamento deriva anche dalla necessità di risolvere la cosiddetta “questione territoriale” attraverso l'atteso riordino dell'offerta. Non a caso, anche il sottosegretario all'Economia con possibile delega ai giochi, Claudio Durigon, nei giorni scorsi, aveva rilanciato l'idea di  una proroga delle concessioni vigenti, di cui si parla già dal precedente governo. Anche se, a quanto pare, dal rinvio generale potrebbe essere esclusa la gara per quelle online, forse anche a causa del momento d'oro che sta vivento il segmento, proprio a causa della pandemia che ha dato ulteriore slancio a qualunque mercato digitale. Anche se l'ipotesi di un rinvio complessivo di tutte le gare relative ai giochi rimane comunque un'ipotesi sul tavolo, rispetto alla quale si conosceranno sviluppi nei prossimi giorni: nel frattempo, tuttavia, l'amministrazione continua a lavorare sui preparativi della gara online, essendo prevista da una legge.

Come del resto, nel frattempo, i provvedimenti di interruzione della raccolta per gli operatori online con concessione attuale in scadenza disposti dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli sono stati sospesi dal tribunale amministrativo dopo la presentazione di numerosi ricorsi, garantendo così, tra l'altro, anche la continuità erariale e non solo quella operativa.

 

Share