Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

L'offerta della cordata Jordan ritarda l'acquisizione Playtech-Aristocrat

  • Scritto da Ca
  • Published in Generale

Playtech ritarda il voto sull'acquisizione di Aristocrat per dare più tempo all'offerta della cordata di Eddie Jordan, ex scuderia F1. 

 

 

Playtech ha ritardato il suo voto degli azionisti sulla proposta di acquisizione di Aristocrat dalla data prevista precedentemente per il 12 gennaio al 2 febbraio 2022.
Il consiglio ha posticipato la scadenza per dare più tempo a una possibile controfferta da JKO Play Ltd, un consorzio guidato dall'ex proprietario del team di Formula 1 Eddie Jordan, e Keith O'Loughlin, un ex dirigente di Scientific Games. Hanno partecipato alla gara a novembre e hanno chiesto più tempo per lavorare su una potenziale offerta. In precedenza avevano una scadenza del 5 gennaio e ora il Takeover Panel del Regno Unito ha concesso loro fino al 26 gennaio per fare un'offerta concreta o ritirarsi. Playtech ha detto che i colloqui stavano "progredendo".
Playtech ha accettato a ottobre un'offerta di acquisto di 2,70 miliardi di sterline (3,65 miliardi di dollari) da Aristocrat, un produttore australiano di macchine da gioco. A novembre il secondo maggiore azionista di Playtech, Gopher Investments, si è ritirato da una potenziale battaglia di acquisizione a tre per lo sviluppatore di software di gioco d'azzardo nel Regno Unito, affermando di essersi impegnato in un accordo separato per acquisire solo il braccio finanziario della società, Finalto, che è accaduto all'inizio di dicembre.

Aristocrat ha detto mercoledì che la sua offerta "rimane l'unica offerta concreta" e "fornisce un interessante valore in contanti e una maggiore certezza normativa e finanziaria per gli azionisti di Playtech", come riporta Evening Standard. JKO "ha già avuto una notevole quantità di tempo per fare una proposta alternativa per Playtech", ha detto Aristocrat. "La decisione di ritardare ulteriormente le riunioni degli azionisti pertinenti estende il periodo di incertezza per tutti gli azionisti".

Una potenziale controfferta è stata complicata da trattative negli Stati Uniti che coinvolgono una società in cui Playtech ha investito. Il gruppo possiede effettivamente il 49% di Caliente Interactive del Messico, che secondo quanto riferito è in trattative per essere quotata al Nasdaq. In assenza di una controfferta seria e credibile, mercoledì il consiglio di Playtech ha affermato di "continuare a raccomandare all'unanimità che gli azionisti di Playtech votino a favore dell'offerta Aristocrat". Il processo di approvazione normativa è "a buon punto" ed è "impegnato a completare l'acquisizione il più rapidamente possibile", ha aggiunto.
Aristocrat è l'unico dei due offerenti ad aver ottenuto l'approvazione normativa per operare negli Stati Uniti poiché le aziende cercano di trarre vantaggio dalla legalizzazione delle scommesse sportive e del gioco online in più stati, incluso il Michigan.
Share