skin

Ippodromo Snai San Siro, il Premio Unione italiana fantini va a Cima Devil

16 settembre 2022 - 13:32

All’ippodromo Snai San Siro Cima Devil fa suo il Premio Unione italiana fantini, mentre per il Vignate e l’Ortles in evidenza Watch My Tail e Milanolight Milano.

Scritto da Redazione
ippodromogenerica980_402911.jpg

 

All'Ippodromo Snai San Siro di Milano terzo convegno di settembre in un caldo giovedì pomeriggio che ha regalato agli appassionati un’interessante giornata di corse.

Tecnicamente parlando, la corsa più importante è stata l’handicap dell’Unione italiana fantini, sui 1.800 metri, di ottima categoria. Una corsa che non ha tradito le attese, con tutta la spettacolarità e l’incertezza della vigilia che venivano perfettamente rispecchiate dal serratissimo arrivo tra Capotempesta e Cima Devil, con quest’ultimo che solo a pochi metri dal palo riusciva a prendere la meglio; il tutto con un Notturno Ligure in super forma che ha provato a ripetere lo stesso schema vittorioso della corsa settimana, mantenendosi in quota per il terzo.

 

 

Attesa anche la seconda Tris di chiusura pomeriggio per il Premio Vignate, un handicap per 3 anni di buon livello sui 1.800 metri, che vedeva il successo clamoroso a 40\1 di Watch My Tail, coraggiosissimo nel suo percorso d’avanguardia e tenacissimo nel tenere botta sotto l’attacco del favorito Monarca e di un Sopran Dublino da dietro, che ci provavano in tutte le salse, venendo però respinti senz’appello.

 

 

Un’altra bella corsa è stata il Premio Ortles con l’ottimo Milanolight che si è portato a casa l’handicap di buona categoria per i fondisti sui 2.600 metri, centrando la terza vittoria qui a San Siro nell’anno; a questo punto il Monterosa resta un’opzione perfettamente percorribile. Buon secondo posto per il favorito Sopran Meneghino che ha superato l’esame distanza, con Principessa Aisha che chiudeva il marcatore con un solidissimo terzo posto.

 

 

Sempre i 3 anni, per il Premio Razza Sansalva, avevano a disposizione una maiden anche questa sui 1.800 metri, che, a dispetto della collocazione stagionale, potrebbe lanciare una femmina verso qualche appuntamento di rilievo, Gia Darling, una importata inglese che non ha mancato di solleticare la prospettiva, come si diceva, anche se, va da sé, dovrà rispondere ad esami più ostici di quello odierno.

 

 

I giovani di 3 anni erano protagonisti del Premio Ravello, un handicap di categoria ordinaria sul miglio allungato, pure questo molto spettacolare con il testa a testa tra My Lovely Marty e Greenvalchiria, finite nell’ordine ma unite nell’applauso.

 

Nota finale per le amazzoni e i cavalieri, che davano vita ad un’intensa prima edizione del Premio intitolato a Massimo Guidi, ricordato da i suoi compagni della Cooperativa Ippica da Giussano: tanto intensa che c’è scappata addirittura una parità, visto che neppure il fotofinish riusciva a separare Goinga Fast e Stealth Mode, finiti in parità.

Altri articoli su

Articoli correlati