Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Battistoni (Mipaaf): 'Via a riforma partecipata del regolamento'

  • Scritto da Redazione

Il sottosegretario al Mipaaf con delega all'ippica avvia la fase di consultazione pubblica sulla riforma del regolamento delle corse al trotto.

Il 2 agosto è stato pubblicato il nuovo testo del Regolamento delle corse al trotto. Un regolamento "profondamente rivisto rispetto alle disposizioni oggi vigenti, ed è stata aperta, contestualmente, una consultazione pubblica sulla riforma regolamentare", commenta il sottosegretario di Stato al ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali con delega all'ippica, Francesco Battistoni, con una nota. 

"Dalla soppressione dell’ex Assi (l'Agenzia per lo sviluppo del settore ippico, Ndr), con il trasferimento delle funzioni al Mipaaf", aggiunge Battistoni, "il Regolamento delle corse al trotto è stato modificato nel tempo con molti decreti, ma non era stato mai aggiornato al nuovo contesto organizzativo; inoltre, molte disposizioni regolamentari, in parte risalenti al 1987, sono da tempo disapplicate, in quanto non compatibili né con le mutate esigenze del comparto ippico, né con l’intervenuta adesione dell’Italia all’Uet (Unione europea trotto, Ndr)".

Il nuovo regolamento per il trotto nasce dall’esigenza di "una rivisitazione e di un drafting complessivo del testo regolamentare vigente, al fine di adeguare le disposizioni al mutato contesto organizzativo e alle concrete esigenze del settore, tenuto conto anche delle criticità riscontrate, in sede applicativa, nel corso degli anni", come si legge nel decreto del direttore generale Oreste Gerini.

"Sussiste da tempo l’esigenza di una rivisitazione complessiva del testo regolamentare vigente, per fare fronte alle problematiche riscontrate in sede attuativa, e agli obblighi derivanti dall’adesione dell’Italia all’Accordo Uet".

"In un’ottica partecipativa e concertativa, è stata prevista la possibilità, per le associazioni di categoria e per operatori del settore, di contribuire, dal punto di vista tecnico, alla riforma, mediante la presentazione di osservazioni sul testo novellato del Regolamento delle corse al trotto".

Share