Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Deputati Udc su Dl Balduzzi: "Occorrono iniziative urgenti per concretizzare misure su gioco"

  • Scritto da Sara

balduzzi2I deputati Udc, Paola Binetti, Marco Calgaro e Nunzio Francesco Testa, chiedono al ministro Renato Balduzzi “quali urgenti iniziative intenda assumere per rendere operativi i principi contenuti nel decreto Balduzzi e quali controlli a tappeto siano previsti per rendere efficaci le disposizioni contenute nel citato decreto”.

Il decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, recante disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute “ha previsto, tra le altre disposizioni, anche il divieto su ogni tipo di media (riviste, quotidiani, cinema, internet) alle pubblicità che inducono al gioco; nello specifico sono vietati i messaggi pubblicitari di giochi con vincite in denaro nelle trasmissioni televisive, radiofoniche, nonché via internet, e nelle rappresentazioni teatrali o cinematografiche rivolte ai minori e nei trenta minuti precedenti e successivi alla trasmissione delle stesse; è sancito l’obbligo di riportare avvertimenti sul rischio di dipendenza dalla pratica di giochi con vincite in denaro e sulle relative probabilità di vincita sulle schedine e tagliandi dei giochi e sugli apparecchi di gioco, cioè quegli apparecchi che si attivano con l’introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico; ciononostante, allo stato attuale continua a registrarsi una progressiva esplosione di pubblicità nelle forme non tutelate a sufficienza dalla sopracitata legge; inoltre, sulle slot machine si sarebbero dovuti intensificare i controlli, ma anche ripianificare la collocazione, evitandone la presenza vicino alle scuole, ai luoghi di culto, agli ospedali; in parte è stato fatto, però sembrerebbe ufficiale che a breve più di mille nuovi giochi di modello slot siano legalmente ‘online’. Basterebbe introdurre codice fiscale e numero di carta di credito, per poter giocare sul computer dal sofà in soggiorno. Questa tipologia di giochi sarà forse lontano dagli ospedali e dalle scuole, dalle chiese, dalle sinagoghe o dalle nuove moschee, come sancisce il decreto ‘Balduzzi’ per difendere i più vulnerabili, ma sarà in casa a portata di tutti, compresi i cassaintegrati rimasti a casa tutto il giorno”, affermano i deputati.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.