Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Regione Lombardia: approvata la legge su gioco da Commissione Attività produttive

  • Scritto da Sm

L'approdo in Aula del Consiglio della Regione Lombardia è in programma per il 15 ottobre, ma intanto la legge regionale sul gioco d’azzardo patologico è stata approvata oggi all'unanimità dalla Commissione Attività Produttive, presieduta da Angelo Ciocca (Lega Nord). Il presidente Angelo Ciocca ha fatto sapere che anche "la Commissione Speciale Antimafia ha dato parere favorevole all’unanimità. Inoltre presenteremo prossimamente il parere al Parlamento sul contrasto al gioco d’azzardo".

 

Ad illustrare il progetto, a Palazzo Pirelli, il presidente della Commissione Angelo Ciocca (Lega Nord), il vice presidente Carlo Malvezzi (PdL), il consigliere segretario Enrico Brambilla (Pd) e il relatore Fabio Rolfi (Lega Nord).

Il relatore Rolfi ha chiarito alcune modifiche al testo iniziale: "E' stato introdotto e uniformato il concetto 'gioco d'azzardo lecito'. Allarticolo 4 comma 1b è stata inserita una riformulazione più chiara per l'approvazione di un programma che limiti il rischio di gioco d'azzardo patologico, con apposito materiale informativo esposto in modo visibile nei locali di gioco. E' stato oggetto di varie formulazioni il comma che riguarda la premialità per quei locali che non installano apparecchi da gioco d'azzardo lecito. Quindi sgravi sull’Irap, limitati però ai piani di competenza regionale e introduzione del contributo etico obbligatorio che contribuisce a incentivi a fini Irap.".

IL TESTO - Nel testo elaborato dalla Commissione e che riunisce parti delle varie proposte presentate dai diversi Gruppi consiliari e dalla Giunta Regionale, viene confermato l’articolo sulle distanze (500 metri dai luoghi sensibili), dando non più indicazioni generiche sui luoghi sensibili, ma specificando quali sono come asili, scuole, ospedali, etc. Viene confermato tutto l’impianto sociosanitario e formativo. La Regione Lombardia formerà la polizia locale, mentre di concerto con gli altri stakeholder del comparto (operatori e associazioni) si promuoveranno attività formative per gli operatori commerciali.

Il consigliere Pd, Mario Barboni, sottolinea: "La proposta di legge va integrata con le proposte che stanno venendo avanti dal Governo".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.