Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Caramaschi (Comune Bolzano): 'Sentenza Tar, rimozione slot continua'

  • Scritto da Redazione

Il sindaco di Bolzano, Renzo Caramaschi, sottolinea che restano in vigore le ordinanze comunali di rimozione delle slot, non incise dalle sentenze del Tar.

 

Dopo la Provincia, anche il Comune di Bolzano si esprime in merito alla sentenza del Tar altoatesino che ha annullato la delibera provinciale che individua i luoghi sensibili in prossimità dei quali è vietato installare apparecchi da gioco, per mancanza di un'istruttoria adeguata.

"Le sentenze del Tar di Bolzano n. 301 e 302/2016, pubblicate il 31/10/2016, riguardano due provvedimenti provinciali di decadenza dell'autorizzazione relative a sale giochi, e non attengono invece in alcun modo alle ordinanze di rimozione delle slot dai bar a suo tempo emesse dal Comune di Bolzano, che rimangono valide ed efficaci a tutti gli effetti di legge. Le ordinanze di rimozione delle slot dai bar erano infatti fondate unicamente sui siti sensibili previsti direttamente dalla legge, e non risultano pertanto incise dalle sentenze del Tar", evidenzia il sindaco Renzo Caramaschi.


"Dette ordinanze rimangono pertanto a tutti gli effetti in vigore. Viceversa, i provvedimenti provinciali di decadenza delle sale giochi risultano basati anche sui siti sensibili individuati ulteriormente con delibere della Giunta Provinciale, delibere che secondo i Giudici del Tar non sono sorrette da sufficiente istruttoria, e sono state pertanto annullate. Restano quindi salvi tutti i siti sensibili previsti dalla legge, su cui sono fondati i provvedimenti comunali relativi agli esercizi pubblici, mentre non trovano più applicazione i siti sensibili individuati con delibera della Provincia, sui quali erano fondati, in aggiunta a quelli previsti dalla legge, i provvedimenti di decadenza delle sale giochi annullati dal Tar", conclude il primo cittadino.
 
Share