Logo

Gioco, Stucchi (Lnp): 'Scoraggiare comportamenti patologici'

Il senatore della Lega Nord, Stucchi, mette l'accento sulla necessità di fare chiarezza nel settore.

“Siglando con gli enti locali un accordo nazionale a settembre scorso in materia di 'gioco d'azzardo', il governo Gentiloni ha di fatto dato il via libera a leggi più stringenti, e la prima conseguenza è stata la decisione del Piemonte che ha varato la legge più restrittiva d'Italia, attirando le ire dello stesso governo, contro il provvedimento adottato”. Lo afferma Giacomo Stucchi, senatore della Lega Nord, intervistato da Gioconews.it a pochi giorni dalle elezioni politiche 2018.

“Il governo Gentiloni non ha fatto chiarezza, anzi ha generato confusione nel settore. Non basta certo limitare le aperture di sale da gioco per evitare a chiunque di giocarsi una fortuna in denaro online”.

Sugli obiettivi da perseguire, secondo Stucchi, “gli introiti per lo Stato, derivanti dal gettito in entrata alla voce 'gioco d'azzardo', sono cifre esorbitanti ed in crescita. Occorre disciplinare la materia, tenendo ben presenti i disastri sociali causati da quello patologico”. Inoltre “è quantomeno necessario aprire un tavolo di dialogo ai vari livelli, per arrivare ad una linea condivisa. Non nascondo che le diversità territoriali possano portare sul tappeto problematiche differenti, tanto da essere a volte addirittura contrastanti”.
Per il prossimo futuro “occorre innanzi tutto scoraggiare comportamenti patologici, che veicolano ricchezza nelle casse dello Stato a danno della salute dei cittadini. È chiaro che essendo un settore che incassa cifre esorbitanti, non si può trascurare come gettito fiscale, che comunque deve avere un limite etico”.
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.