Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Osservatorio contrasto al gioco patologico, nominati i componenti

  • Scritto da Redazione

Nominati i membri dell'Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave, ricostituito lo scorso agosto.

Sono stati nominati i componenti dell'Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave, ricostituito con decreto interministeriale del 12 agosto del 2019 a firma degli ex ministri Giulia Grillo e Giovanni Tria, con il decreto del direttore generale della Prevenzione sanitaria.

COMPONENTI OSSERVATORIO - Per il ministero della Salute Serena Battilomo e Rosanna Mariniello; per il ministero dell'Economia e delle Finanze Roberto Fanelli, Elena Giacone e Luigi Vinciguerra.
 
Per il ministero dell'Istruzione Paolo Sciascia; per la presidenza del Consiglio dei ministri (dipartimento Politiche antidroga) Marco Muser; per la presidenza del Consiglio dei ministri (dipartimento Politiche giovanili) Antonella Pallocca; per la presidenza del Consiglio dei ministri (dipartimento per le politiche della famiglia) Ermenegilda Siniscalchi.
 
Per il ministero dello Sviluppo economico Vincenzo Maria Di Maro; per l'Istituto superiore di sanità Roberta Pacifici; per la conferenza delle Regioni e delle Province autonome Aniello Baselice; Carola Magni; Sonia Salvini; Manfredi Zammataro.
 
Per l'associazione nazionale dei comuni italiani Anci Simona Neri; per l'associazione Genitori scuole cattoliche Agesc Laura Marmai; per associazione Azzardo e nuove dipendenze And Daniela Capitanucci; per società italiana tossicodipendenze SiTD Onofrio Casciani; per associazione Alea Maurizio Fiasco; per il coordinamento Cnca Armando Zappolini; per federazione Fict Angelo Benvegnù; per Consiglio dei consumatori e degli utenti Cncu Gabriele Melluso.
 
L'Osservatorio, quale organismo consultivo del Ministro della Salute, provvede a:
a) monitorare la dipendenza dal gioco d'azzardo;
b) monitorare l'efficacia delle azioni di cura e di prevenzione intraprese;
c) aggiornare, sulla base delle evidenze scientifiche, le linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette dal gioco d'azzardo patologico (Gap);
d) valutare le misure più efficaci per contrastare la diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave;
e) esprimere i pareri sui piani di attività per il contrasto dei disturbi del gioco d'azzardo presentati dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano;
j) svolgere le funzioni assegnate dalla legge ed è composto, tra gli altri, da rappresentanti del ministero della Salute, del ministero dell'Economia e delle finanze, del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca, del ministero dello Sviluppo economico da rappresentanti della presidenza del Consiglio dei ministri (Dipartimenti per le politiche antidroga, per le politiche giovanili e il servizio civile universale, per le politiche della famiglia), rappresentanti di Anci nazionale, dell'Istituto superiore di sanità, della Commissione salute, dell'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza, Genitori Scuole Cattoliche (Agesc), dell'associazione Azzardo e Nuove Dipendenze (And), della Società italiana tossico dipendenza (Sitd), dell'associazione per lo studio del gioco d'azzardo e dei comportamenti a rischio (Alea), del Coordinamento nazionale comunità terapeutiche (Cnca), della Federazione italiana comunità terapeutiche (Fict), del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (Cncu).
 
In rappresentanza dell’associazione nazionale comuni italiani (Anci) è stata nominata la sindaca di Laterina Pergine Valdarno, l'ingegnere Simona Neri, già coordinatrice delle “Politiche di contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico e Bullismo” per Anci Toscana, che ormai da anni si occupa del tema in collaborazione con il Sistema sanitario, le forze dell’ordine e il Terzo settore, coordinando i sindaci toscani nelle iniziative di contrasto e sensibilizzazione al disturbo da gioco.
 
“Sono onorata di poter rappresentare i Comuni italiani – afferma Simona Neri - all’interno di questo organismo così importante e di questo ringrazio il nostro presidente nazionale Antonio Decaro e il presidente Anci Toscana Matteo Biffoni per la sensibilità da sempre dimostrata su questo tema. Il disturbo da gioco è un disagio che purtroppo sta continuando a crescere in modo trasversale, colpisce tutte le fasce di popolazione, soprattutto quelle più fragili, ed è in aumento anche tra i minori. L’offerta di gioco è molto diffusa su tutto il territorio nazionale, è variegata e si evolve velocemente: è fondamentale monitorare i cambiamenti tecnologici e le risposte sociali oltre a verificare l’efficacia delle politiche di contrasto messe in atto da Regioni ed Enti Locali. Svolgerò questo mio ruolo di rappresentanza con responsabilità e determinazione, mirando alla salvaguardia della salute pubblica e all’autonomia decisionale dei colleghi Sindaci, massime Autorità Sanitarie nei propri territori, portando l’esperienza acquisita in questi anni di lavoro nella mia Regione ed esortando anche in questa sede il Governo al riordino legislativo del settore”.

 

 

Share