Logo

Belluno, Massaro: 'Gioco, in arrivo orari condivisi in tutti i Comuni'

Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, plaude alla delibera della Giunta del Veneto sugli orari di interruzione del gioco e prepara ordinanza condivisa con altri Comuni.

 

"È finalmente legge il provvedimento che attendavamo ormai da qualche mese, lo stesso provvedimento che ribadisce quanto noi avevamo già inserito nel regolamento comunale, ossia l'inclusione degli sportelli bancomat come 'luoghi sensibili' aspetto contestato dai gestori, e che ora vanta anche il sostegno di una legge della Regione Veneto. Inoltre, si sono finalmente ufficializzate anche le fasce orarie di interruzione del gioco. Dico finalmente perché ora possiamo intervenire con unità ed efficacia".

Queste le parole con cui il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, commenta la delibera con cui la giunta regionale del Veneto ha approvato orari di interruzione del gioco uniformi su tutto il territorio: dalle ore 7 alle ore 9, dalle 13 alle 15 e dalle 18 alle 20.

 

Per i sindaci, grazie alla presenza di questo provvedimento, scatta infatti la possibilità di regolare in maniera uniforme e più efficace l'attività oraria delle sale slot sui propri territori con un'ordinanza, in aggiunta alle tre fasce individuate della legge regionale. "Già nelle scorse settimane, in attesa dell'entrata in vigore della legge, avevo incontrato i colleghi dell'Alpago, della Valbelluna e del Feltrino per condividere un impianto comune. Si è deciso quindi che sarà il Comune di Belluno a preparare uno schema orario che sarà poi replicato in tutti i comuni che hanno partecipato all'incontro e, speriamo, anche in tutte le realtà della provincia", prosegue Massaro. "In questa maniera vogliamo evitare quel fenomeno di migrazione dei giocatori patologici che passano da un comune all'altro conoscendo gli orari di chiusura delle varie attività".
 
 
Il comune capoluogo, con la collaborazione della segreteria generale e dell'avvocatura civica, quindi si occuperà del lavoro di stesura del provvedimento: "Belluno avrà il ruolo di capofila in questo progetto di collaborazione per omogeneizzare le norme sul territorio; abbiamo iniziato con i comuni della Valbelluna per una questione di vicinanza territoriale, ma contiamo di allargare questa collaborazione anche alle realtà dell'Agordino, del Cadore e del Comelico", aggiunge il sindaco. "Si va verso una nuova epoca di regolamentazione delle sale slot. In questo modo, tuteliamo la salute pubblica e teniamo sotto controllo l'ordine pubblico, visto il verificarsi anche in provincia di Belluno di situazioni problematiche; si tratta poi anche di una questione di sicurezza stradale, vista la mole di giocatori 'pendolari' che ogni giorno viaggiano sulle nostre strade seguendo gli orari di apertura delle diverse attività di gioco d'azzardo presenti in provincia".
 
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.