Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cdm: al via procedura per nominare Lasorella presidente dell'Agcom

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Il consiglio dei ministri delibera l'avvio della procedura per nominare Giacomo Lasorella presidente dell'Agcom.

Nel lungo consiglio di ministri di ieri 7 agosto focus non solo sul decreto Agosto, ma anche su altri provvedimenti e nomine, alcuni dei quali interessano da vicino il settore del gioco.

Il Cdm ha infatti deliberato, su proposta del presidente Giuseppe Conte, d’intesa con il Ministro per lo sviluppo economico Stefano Patuanelli, l’avvio della procedura per la nomina di Giacomo Lasorella a presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom).

Una nomina, come detto, di grande rilevanza per il settore, visto che è relativa alla presidenza dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, quale "esecutore" delle norme relative al divieto di pubblicità e artefice delle linee guida sull'applicazione delle disposizioni del decreto Dignità le quali, fra l'altro, hanno confermato come sia bandita "qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, di sponsorizzazione, o di comunicazione con contenuto promozionale del gioco con vincita in denaro” e consentito le “comunicazioni di mero carattere informativo fornite dagli operatori di gioco legale” e i servizi informativi di comparazione di quote o offerte commerciali dei diversi competitor.

LUI CHI E' - Lasorella, classe 1964, succede ad Angelo Cardani e presiederà l'Autorità per i prossimi sette anni. Avvocato e professore di diritto parlamentare presso l'Università degli Studi di Tor Vergata di Roma, nel 2018 e 2019 ha tenuto, con il dottor Malaschini, un corso su "Tecniche di gestione delle assemblee legislative", nell'ambito nel Master Mapp organizzato dalla Luiss di Roma.

Lasorella è stato anche consigliere parlamentare alla Camera nel 1989 e per 12 anni è stato a capo del servizio Assemblea, dopo essere stato all'ufficio del Regolamento e a lungo segretario della giunta per le Autorizzazioni negli anni di Tangentopoli.

Share