Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Bando Monti, tribunale Frosinone dà ragione a Stanleybet: 'Violato diritto Ue'

  • Scritto da Redazione

Il legale Daniela Agnello commenta l'ordinanza del tribunale di Frosinone per cui il bando Monti sulle scommesse ha violato diritto Ue e discriminato Stanleybet.

"Il Giudice nazionale che aveva sollevato il quesito pregiudiziale comunitario nel caso Laezza, titolare del centro collegato all’operatore Stanleybet, ha deciso che anche la gara Monti ha violato il diritto comunitario e ha determinato una 'plateale distorsione della concorrenza imprenditoriale nel settore dei giochi'. La Corte di Giustizia nella sentenza Laezza, dopo aver individuato diversi profili di contrasto con il diritto comunitario, aveva demandato al giudice del rinvio alcune valutazioni di merito e il Tribunale di Frosinone ha statuito che il bando di gara Monti è in contrasto con i principi comunitari afferenti il diritto di stabilimento e di libera prestazione di servizi, ha disposto la disapplicazione della sanzione penale con il conseguente venir meno della concreta configurabilità del reato ipotizzato".

 

Con queste parole il legale di Stanleybet, Daniela Agnello, commenta l'ordinanza depositata ieri 5 maggio 2106 con cui il Tribunale del Riesame di Frosinone ha condiviso le ragioni del bookmaker anglo-maltese Stanleybet dando piena applicazione ai principi fissati dalla Corte di Giustizia nella sentenza Laezza (Causa C-374/14) dello scorso gennaio.

 

LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA - Il Tribunale, prosegue Agnello, "ha recepito integralmente la sentenza e ha ritenuto che l’obbligo di cessione a titolo gratuito di tutti i beni materiali ed immateriali alla Pubblica Amministrazione imposto con il Bando Monti crea un’oggettiva disparità di trattamento rispetto ai precedenti concessionari, è ingiustificata e si appalesa incomprensibile alla luce di una durata delle nuove concessioni più contenuta rispetto a quelle precedenti; non presenta attinenza con gli obiettivi professati attinenti alla 'tutela dei consumatori, in particolari minori di età, dell’ordine pubblico della lotta contro il gioco minorile e le infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore dei giochi'; si pone in contrasto con il principio di equivalenza e non sembra perseguire in modo ragionevole l’obiettivo enunciato nella legge di assicurare un corretto equilibrio degli interessi pubblici e privati nell’ambito dell’organizzazione e della gestione dei giochi pubblici”. Inoltre "ha avuto un impatto significativo nella determinazione di un operatore economico razionale di partecipare alla procedura concorsuale; non ha consentito alla Stanleybet di conseguire la concessione in condizioni di piena eguaglianza concorrenziale con le imprese già presenti sul territorio nazionale nello stesso settore di mercato", dice ancora l'avvocato.
 
DISCRIMINATI OPERATORI STRANIERI - "Dopo le sentenze Gambelli del 2003 e Placanica del 2007 che hanno censurato la gara per l'affidamento in concessione dei diritti per l'esercizio dei giochi del 1999, dopo la sentenza Costa Cifone ove si dichiara che lo Stato italiano con la gara Bersani di affidamento di oltre 16.000 diritti concessori ha protetto e tutelato i concessionari statali, con la pronunzia del Tribunale di Frosinone si può attestare, in ossequio alla sentenza Laezza del 28 Gennaio 2016, che anche la gara Monti per l'affidamento in concessione di 2000 diritti osta con il diritto dell'Unione e che il sistema concessorio italiano ha discriminato gli operatori stranieri. In conclusione, il sistema concessorio italiano ha generato tre gare censurate dagli organi comunitari, quindici anni di giurisprudenza nazionale con dissequestri e sentenze di assoluzione in favore dei centri affiliati all’operatore comunitario Stanleybet", conclude Agnello.
 

IL COMMENTO DI WHITTAKER - L'ordinanza del tribunale di Frosinone è stata ben accolta dal Ceo del Gruppo Stanleybet, John Whittaker, che commenta: "La pronuncia del giudice italiano, quale giudice del rinvio nel caso Laezza, che fa coerente seguito a quella della Corte di Giustizia, è straordinaria. Una grande vittoria anche per i concessionari dello Stato: anche loro sono stati discriminati e oggi, mentre la Stanley è ormai vicina al sistema concessorio in preparazione, una nuova fase di collaborazione tra la Stanley, i concessionari e il regolatore può essere la chiave per un sistema più avanzato in cui sia possibile creare – dopo tanti problemi – una ‘nuova’ prosperità per il settore”.
 
Share