Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse e matchfixing: dal Consiglio d'Europa il Nuovo testamento dell'integrità

  • Scritto da Ludovico Calvi, presidente Global Lottery Monitoring System

La Convenzione sulla manipolazione delle competizioni sportive rappresenta una vera e propria “Bibbia” per l'integrità dello sport, a livello globale.

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive è il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante per combattere le manipolazioni delle competizioni sportive. Il suo scopo è prevenire, individuare e punire il fenomeno del “matchfixing”, nonché migliorare lo scambio di informazioni e la cooperazione nazionale e internazionale tra le autorità pubbliche interessate e con le organizzazioni sportive e gli operatori di scommesse sportive. La Convenzione del Consiglio d'Europa è stata posta alle firme il 18 settembre 2014, dopo un periodo di consultazione di due anni. Il 15 maggio 2019 la Svizzera è diventata il quinto stato a ratificarla (dopo Norvegia, Portogallo, Ucraina e Moldova) dando il via alla sua entrata in vigore. L'Italia ha completato il processo di ratifica l'11 giugno 2019. Con questo articolo vogliamo ricordare le sue disposizioni di base, delinearne il valore aggiunto e riflettere sui prossimi passi.

L'Italia, ratificando la Convenzione di Macolin, è diventato il sesto stato aderente. L'impegno del governo italiano, del parlamento, del regolatore del gioco e, in particolare, l'impegno personale del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giancarlo Giorgetti, è stato notevole. L'Italia è sempre stata in prima fila nella lotta contro il matchfixing con diversi scandali negli ultimi anni e un impegno così forte dimostra determinazione e disponibilità a tutelare sinceramente l'etica dello sport, il che significa salvaguardare la passione e l'integrità dei nostri bambini e quindi il futuro della nostra società. Oltre alle 6 ratifiche, un totale di 37 paesi, inclusa l'Australia, hanno ora firmato la convenzione, mentre anche altri hanno manifestato il loro interesse. La Convenzione entrerà ufficialmente in vigore il 1° settembre e, come previsto dall'articolo 30-31, entro un anno dalla ratifica il Consiglio d'Europa convocherà il Comitato di controllo aggiuntivo della Convenzione.

Gli Stati aderenti avranno un posto nel Comitato, mentre organizzazioni interessate e attinenti potranno chiedere lo status di Osservatore.
La posizione della Commissione europea è che gli Stati sono liberi di firmare e adottare misure proprie, tuttavia la ratifica da parte dell'Ue e degli Stati membri dovrebbe essere effettuata in modo coordinato. La ratifica dell'Italia potrebbe però far pressione su altri stati dell'Unione, e anche il fatto che solo gli Stati che hanno ratificato la Convenzione avranno un posto nel comitato di controllo potrebbe spingere nella stessa direzione. Anche la Presidenza finlandese dell'Ue (dal 1° luglio), che considera l'integrità sportiva come una delle sue priorità, potrebbe cercare di superare lo stallo. In sintesi, la Convenzione costituisce la "bibbia" per la lotta globale contro il fenomeno. Affronta tutte le questioni rilevanti in modo compatto e senza dubbio fornirà un aiuto significativo agli Stati - come strumento legale - per affrontare efficacemente e globalmente il problema. 
Per quanto riguarda gli sviluppi futuri, tra gli argomenti da ricercare individuiamo: Ulteriore promozione della Convenzione e aumento del numero di ratifiche. Il solo fatto che la Convenzione entrerà in vigore non significa che lo sforzo per la sua promozione sia finito. È di vitale importanza che più Stati - anche oltre l'Europa - procedano alla ratifica per trarre profitto dalle disposizioni chiave della Convenzione, ma facciano parte anche del prossimo comitato di controllo aggiuntivo di cui l'Italia, come stato già ratificato, farà certamente parte. È importante sottolineare che solo azioni e responsabilità collettive di tutte le parti interessate potranno rivelarsi veramente efficaci contro questo fenomeno. La creazione di un ambiente di fiducia è qualcosa su cui tutte le parti interessate dovrebbero concentrarsi.
Le piattaforme nazionali sono considerate la pietra angolare della Convenzione e la lotta globale contro le manipolazioni delle competizioni sportive: tuttavia, in molte occasioni, non hanno assunto un ruolo attivo e integrale, che riguarda il coordinamento generale della lotta nazionale contro il fenomeno, le loro azioni sono limitate solo alla condivisione di segnalazioni in relazione a modelli di scommesse irregolari. Questo è qualcosa che deve essere adeguatamente spiegato e affrontato.
La definizione di scommesse sportive illegali definita chiaramente dalla Convenzione (articolo 3, paragrafo 5 bis) è un'altra questione chiave. Le misure contro le scommesse sportive illegali da parte degli Stati (articolo 11) sono una conditio sine qua non per gli altri articoli, compresa l'effettiva condivisione di informazioni (articolo 12), le scommesse dei minori (articolo 10), la segnalazione e il monitoraggio e persino il lavoro efficace delle piattaforme nazionali. Qualsiasi decisione delle autorità nazionali di regolamentazione sarebbe compromessa fintantoché vi siano operatori di scommesse attivi in ​​una giurisdizione che opera senza una licenza nazionale e quindi non seguendo le disposizioni del quadro normativo nazionale. La condivisione delle informazioni non può essere efficace fintanto che gli operatori senza licenza, che operano in una giurisdizione pienamente regolamentata, ignorano le misure di integrità sportiva previste dalla Convenzione. Pertanto, le disposizioni concrete contro le scommesse sportive illegali sono vitali per l'intera ed efficace attuazione della Convenzione.
Protezione dei dati: materia trattata anche dalla Convenzione, in quanto è un aspetto cruciale del processo di valutazione del rischio (articolo 14). Non vi è alcun conflitto con le vigenti leggi sulla protezione dei dati, in quanto le parti sono tenute a rispettarle. Un metodo per ridurre la possibilità di rischio potrebbe essere quello di istituire comitati di lavoro per garantire che tutte le parti interessate abbiano un input chiaro e capiscano prima di arrivare a un consenso sui metodi di condivisione dei dati come ottenere informazioni appropriate sulla condivisione, ma anche sulla garanzia della sicurezza dei dati. 
Glms continuerà a promuovere la Convenzione con tutto il suo peso, a sostenere il Consiglio d'Europa, i regolatori, le forze dell'ordine, gli organismi sportivi e gli Stati con l'attuazione delle sue disposizioni e attende con impazienza la propria partecipazione al Comitato di controllo aggiuntivo della Convenzione.
 
NOTE SULL'AUTORE - Da settembre 2017 Ludovico Calvi ha utilizzato la propria esperienza decennale nel settore del Gaming e Betting fornendo servizi di consulenza strategica, normativa e operativa a soggetti privati e pubblici, comprese lotterie, concessionari privati, governi, ministeri delle finanze, regolatori, federazioni sportive e forze dell'ordine. Da giugno 2015 è membro del comitato esecutivo di Global Lottery Monitoring System, nel giugno 2017 ne è stato eletto presidente e rieletto di nuovo nel maggio 2019 per il periodo 2019-2021. Da maggio 2019 è anche membro della World Lottery Association (Wla) Sports Integrity Committee. Da maggio 2015 è membro dell'American Gaming Association Sport Betting Task Force. Dal 2006 al 2016 Ludovico è stato Responsabile delle scommesse e dal 2009 è nel consiglio di amministrazione di Lottomatica Scommesse Srl, in qualità di Ceo dal 2009 al 2016 e come consigliere di amministrazione dal 2016 a oggi. Da maggio 2013 Ludovico è stato Vice President, Product Marketing Betting presso Gtech Plc e da aprile 2015 fino ad agosto 2017 ha ricoperto la posizione di Senior Vice President Global Product Marketing Betting presso Igt. All'inizio della sua carriera ha lavorato per Sisal Spa (Italia) e William Hill Plc (Regno Unito). Da luglio 2019 è autore di una rubrica sulla rivista Gioco News dal titolo: “Vox Manager”.
 
(L'articolo è tratto dalla rubrica "Vox Manager" contenuta nel numero di luglio/agosto 2019 della rivista Gioco News, sfogliabile anche online)
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.