Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Seminario su scommesse sportive: Barnier "Cooperazione tra stati e divieto di alcune giocate"

  • Scritto da Sara

bruxellesUn seminario a Bruxelles sulla regolazione delle scommesse sportive ha visto la partecipazione di numerosi esponenti del mondo dello sport. Detlev Zenglein, ceo di Early Warning System GmbH (EWS) della Fifa, ha partecipato a una delle tre tavole rotonde europee, in cui è stata discussa la questione delle scommesse sportive. Le EWS è una società senza scopo di lucro che l'organismo di governo mondiale del calcio ha fondato con l'obiettivo di controllo in tutte le competizioni e giochi della Fifa per salvaguardare l'integrità del calcio.

Il panel, presieduto da Damien Abad, europarlamentare e relatore ombra per la risoluzione del Parlamento europeo sul gioco d'azzardo online nel mercato interno, è iniziato con un discorso di Michaela Ragg, assistente alla regia dell’Interpol per l’integrità nello sport . La discussione ha visto al partecipazione anche dei rappresentanti della Commissione europea, del Cio e la FifPro, insieme con i rappresentanti dell’industria delle scommesse sportive.

Come parte del programma, sono state discusse le conseguenze nella mancanza di una legislazione comune europea contro il gioco d’azzardo illegale e la cooperazione con la polizia di frontiera. Nel primo panel è stato discusso il nuovo piano d'azione dell'Unione europea, mentre nel secondo ci si è concentrati sulla protezione dei consumatori europei.

Zenglein ha dichiarato: “L'integrità dello sport è stata minacciata dagli eventi nel settore moderno delle scommesse e dalle opportunità di manipolazione. Pertanto, è necessario che le autorità pubbliche a livello nazionale, europeo e mondiale, le agenzie incaricate di far rispettare la legge, il movimento sportivo, le società di gioco facciano tutto quanto in loro potere per salvaguardare l'integrità dello sport in tutte le questioni relative al mercato delle scommesse.

Ciò include l'adozione di un eventuale strumento giuridico internazionale contro le partite truccate, che persegue l’obiettivo di assicurare che i sistemi nazionali giuridici e amministrativi ricevano strumenti, competenze e risorse necessarie per combattere questo fenomeno. I diversi approcci nazionali in materia di scommesse sportive devono essere coordinati, almeno per quanto riguarda la normalizzazione della integrità sportiva. La priorità deve essere quella di un accordo tra le federazioni sportive, gli enti pubblici, i bookmakers e i legislatori, creando un dialogo decisivo, che include anche un accordo sui tipi di scommesse offerte e quelle che in qualche modo sono dannose per l'integrità dello sport. Pertanto, si devono raggiungere norme giuridicamente vincolanti che richiedono ai bookmakers di collaborare strettamente con associazioni e federazioni sportive e altre organizzazioni, nazionali e agenzie internazionali per controllare gli sport”

Abad ha detto che la legislazione futura dell’Unione europea dovrebbe cercare il “perfetto equilibrio” tra la protezione del consumatore e la promozione del gioco d’azzardo online. Per quanto riguarda il principio di sussidiarietà, ha dichiarato: “Sono convinto che l'Unione europea, incluso il Parlamento, deve svolgere un ruolo chiave in questo. Il piano d'azione dovrebbe affrontare anche altre questioni come la lotta contro la frode, il riciclaggio di denaro e l’integrità dello sport”.

Il congresso si è chiuso con il commissario al Mercato Interno, Michel Barnier, che ha sottolineato la necessità di integrità sportiva: “Proteggere l'integrità della concorrenza merita un'attenzione speciale. I valori sociali dello sport sono in pericolo. Pertanto, per evitare le partite truccate, puntiamo a una cooperazione efficace tra regolatori nazionali, i bookmakers online e le federazioni sportive. Dobbiamo considerare le norme minime in materia di conflitto di interessi, possibilmente con il divieto di alcuni tipi di scommesse o la creazione di sistemi di controllo più rigorosi”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.