Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse: per Stanleybet inadeguato il regolamento su quota sbagliata

  • Scritto da Redazione

In relazione a notizie di stampa apparse negli ultimi giorni riguardanti la decisione della ‘commissione dell’Aams per la trasparenza dei giochi’ in merito all’applicazione del regolamento di gioco, John Whittaker, Coo Stanleybet, commenta: “Se il regolamento prevedesse la restituzione della puntata, verrebbero discriminati coloro che hanno comunque pronosticato correttamente il risultato, indipendentemente dalla quota. Il regolamento di ogni book, nella generalità delle legislazioni, ovunque nel mondo, prevede il pagamento della quota ‘corretta’, cioè quella che ci sarebbe stata se non ci fosse stato l’errore materiale”.

Alejo lascia la direzione dell'Ordinacion del Juego e passa alla tv       

Del resto, precisano dall’ufficio legale “in ogni ordinamento di qualsiasi Stato è previsto che se un contratto è per un errore materiale eccessivamente oneroso, esso può essere disatteso. Ovunque nel mondo la giurisprudenza sul punto è univoca nell’affermare che l’errore riconoscibile/palese non è idoneo a giustificare l‘affidamento (termine giuridico che sta per ‘ragionevole convincimento’) della controparte circa la validità del contratto e che nessuno può trarre vantaggio dagli errori materiali altrui, quando questi, appunto, sono chiaramente riconoscibili fin dal momento della stipula del contratto. Anche in Italia vale lo stesso principio”.

“Ma, secondo quanto sarebbe stato stabilito dalla Commissione, ciò non varrebbe per le scommesse! - prosegue Whittaker - come mai? Perché in Italia il regolamento del gioco non lo fa il bookmaker, come dovunque il betting abbia una tradizione, ma lo fa lo Stato. Né nel decreto ministeriale del 1998 né nel regolamento delle scommesse del 2006 fu previsto l’errore di quota e quindi la quota valida, sbagliata o no, è quella ufficiale pubblicata dal book. Perché questa lacuna? E perché non si è intervenuti quando la lacuna è diventata palese, con la necessaria revisione del regolamento? Il regolatore italiano oggi non può che applicare quel regolamento, e quindi è comprensibile la posizione assunta dalla Commissione per le controversie di Aams”.

“L’esperienza di Stanley sul punto è univoca - spiega Whittaker - Stanley, come ogni bookmaker del mondo, prevede, in caso di errore, il pagamento con la quota giusta. Sapendo che in Italia il regolamento di Aams prevede invece il pagamento alla quota sbagliata, gruppi di delinquenti hanno cercato più volte di approfittare della situazione e, una volta individuato un errore, si sono accaniti con scommesse ripetute sull’evento con quota errata”.

In tal caso, precisano dall’ufficio legale, “Stanley fa finta di accettare il pagamento, richiede di identificare i ‘presunti vincitori’, acquisisce i loro documenti e poi li denuncia per truffa alla Procura della Repubblica competente. Siamo arrivati alla condanna penale varie volte e non abbiamo mai pagato per un errore che poteva essere riconosciuto chiaramente in anticipo. Lo Stato - conclude Whittaker – con la previsione di pretendere il pagamento di quote sbagliate favorisce inconsapevolmente bande organizzate di delinquenti che imperversano nel settore approfittando di questa lacuna che risale al 1998 e che non è stata mai colmata. La nuova dirigenza di Aams potrebbe promuovere un dibattito costruttivo su questo tema. Si potrebbe arrivare a una modifica del regolamento in un senso più giusto, con vantaggio per tutti, inclusi i giocatori onesti”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.