Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse da complementare, che stagione sarà per il betting

  • Scritto da Cesare Antonini

Che campionato sarà per le scommesse sportive? Indubbiamente, per il mercato italiano il calcio e la Serie A rappresentano una percentuale di raccolta talmente importante che il momento della ripartenza va celebrato e analizzato nei dovuti modi.

Esperti da una parte e bookmaker dall’altra a dire la loro sulle proposte di gioco nuove e sulle tendenze del settore oltre a indicazioni puramente tecniche per favorire il gioco. Ma tutto sembra ruotare attorno al palinsesto complementare, cioè la possibilità di allargare le proposte e i mercati di gioco per coprire quasi tutto ciò che è scommettibile.

 

Le indicazioni di Alessandro Sugoni, Sky Sport, per la stagione al via

“Rispetto allo scorso anno è cambiata di poco la griglia delle favorite. Juve e Roma in prima fila e Napoli dietro con la Fiorentina possibile qualificata in zona Champions a patto che avrà Rossi e Gomez per buona parte della stagione vista la loro predisposizione agli infortuni. Da valutare comunque la Roma dopo la partenza di Benatia al Bayern Monaco. Vista la situazione piuttosto bloccata la Fiorentina sul podio come quota potrebbe essere allettante da giocare.

Nella zona Europa League, invece, una possibile sorpresa potrebbe essere il Verona di Mandorlini. È andato via Iturbe, è vero, ma qualora dovesse arrivare Nico Lopez sarebbe l'ennesimo innesto di qualità insieme a Christotoulopolos e Marquez.

Per quello che riguarda il capocannoniere del campionato di serie A, siamo reduci dalla sorpresa dello scorso anno, Ciro Immobile. Tuttavia tra i favoriti terrei Tevez e Higuain mentre su Giuseppe Rossi pesa sempre il fattore infortuni. Un bel rischio sarebbe Sau del Cagliari che con Zeman potrebbe fare molto bene. Un altro nome? Occhio a Quagliarella.

Io non scommetto ma se dovessi puntare un centesimo forse lo farei su alcune proposte di gioco che mi piacerebbe vedere. Ad esempio sul portiere meno battuto vedo Handanovic e anche De Sanctis. Su chi segnerà più punizioni mi giocherei Mertens visto che Pirlo è un nome troppo scontato e banale da fare. Sui giovani attenzione a Guilerme dell'Udinese, ottimo elemento che viene dal Corinthias e anche Sali Ucan della Roma che però giocando in una grande squadra è facilitato.

Sorpresa assoluta potrebbe essere Dodò che dalla Roma è passato all'Inter. Staremo a vedere”.

 Ecco la forza di Paddy

Al re-start della stagione calcistica italiana prontissimo è Paddy Power, bookmaker di origini irlandesi ma ormai tra i leader del mercato italiano. Anzi, dai dati del Mondiale di calcio brasiliano, il livello è cresciuto ancora di più. “Abbiamo chiuso il Mondiale da numeri uno del mercato delle scommesse online dalle varie stime sui dati di raccolta. Un obiettivo raggiunto grazie a una campagna molto particolare che si è focalizzata sulla stampa sportiva e online. Cambiavamo ogni giorno i messaggi promozionali e abbiamo raccontato le nostre offerte come il Power Bonus in maniera totalmente dinamica”. È l'analisi di Alessandro Allara, direttore della comunicazione di Paddy Power Italia.

Un mercato del betting ormai composto da vari prodotti e device e strumenti finalizzati alla promozione e alla raccolta. Paddy sembra aver seguito alla lettera la trasformazione dell'industry: “C'è stato un grande impegno sul lato del gaming mobile e sul lato delle quote. Abbiamo lanciato l'app Windows e ora possiamo vantare un'offerta che va da iOs, a Blackberry, a Windows e fino ad Android”.

Un'altra chiave del successo che si annuncia fondamentale per la nuova stagione di betting e sport è il palinsesto complementare: “Sulla proposta dei mercati abbiamo sfruttato al massimo quello che ora riesce ad offrire il palinsesto del sistema concessorio italiano. Un traguardo raggiunto con un nostro grande contributo al lavoro dell'Agenzia delel Dogane e dei Monopoli e da Sogei. Grazie a questo lavoro sul Live ci siamo avvicinati molto ai siti dot com ed è uno dei motivi che ci lascia intravedere grosse opportunità nella nuova stagione”, prosegue Allara.

Un lavoro importante dietro le quinte per Paddy che ora sfrutterà al massimo l'occasione: “Stiamo lanciando nuove scommesse live e nuovi mercati grazie e arriveranno con maggiore incisività le novelty bets. Le quote sul premio Nobel che avete visto sul sito è solo l'apripista di una lunghissima serie di scommesse non sportive. Dalla metà di settembre gli appassionati potranno vedere una serie di proposte di gioco davvero interessanti”.

Re del betting ma PP si è ormai implementato nel mercato italiano con la logica del multiprodotto voluta dai Monopoli di Stato specie nel gioco online: “Infatti non dimentichiamoci del resto dell'offerta. Abbiamo lanciato il poker online durante i Mondiali e ora arriveranno anche il Bingo e le scommesse virtuali mentre nel casinò online puntiamo su un set splendido si app native per iOs”.

Sul mercato online delle scommesse sportive gli operatori parlano di moderata crescita: è giusta questa analisi? “Nei dati sì ma se a questa crescita dovessimo togliere il contributo del palinsesto complementare parleremmo di un mercato in calo. Quindi non siamo entusiasti della situazione in generale. Crediamo che ci sia molto da fare dal punto di vista della legalità ed è questa la chiave giusta per ridare linfa vitale al settore. In effetti abbiamo la sensazione che la rete fisica dot com stia pian piano ricostruendo un business online dot com che sembrava scomparso con il lancio del dot it. Siamo in prima linea con Confindustria e con i nostri competitor nella lotta a questo fenomeno. Modificare lo scenario normativo può essere una soluzione perché è paradossale che ci sia una rete non autorizzata più grande di quella legale”.

E in Italia Paddy sembra aver lasciato il segno col suo stile: “Abbiamo apprezzato molto l'iniziativa dell'acquisto della pagina dei giornali da parte di alcuni operatori per protestare contro questa situazione paradossale. E anche noi abbiamo qualche idea abbastanza bellicosa per scuotere le coscienze e arrivare a una soluzione”.

'Enjoy the bet': sempre più palinsesto complementare per essere competitivi

“Uno dei nostri obiettivi, che ci auguriamo di raggiungere, è di completare al più presto il palinsesto complementare. Grazie a questo strumento l'offerta potrebbe avvicinarsi a quella di operatori esteri. Un primo passo concreto verso la competitività reale del mercato italiano. Un passo che è già enorme per il settore dot it considerando la mia esperienza nel mercato ma che non renderà ancora l'offerta liberissima. Siamo sempre un po' ingessati”. Antonio Ricci, manager di Bet4Bet che racchiude i brand di Enjoybet.it e Betinside.it, fa il punto della situazione del betting italiano e della sua evoluzione.

Scommesse sempre più libere ma in Italia qualche paletto rimane sempre: “Se volessimo scommettere sul primo gol di Balotelli in Inghilterra avremmo qualche difficoltà in più rispetto al dot com. L'apertura del programma c'è ma rimane sempre un po' limitata”, prosegue Ricci.

L'altro punto cruciale è il gioco live. Nei Mondiali sembra sia andato molto bene ma si può fare di più o no? “Il live deve essere diviso in mercati, partite e specialità e se il dot it avesse le stesse proposte del dot com il fatturato aumenterebbe a livelli esponenziali. Se hai più prodotti in vetrina la gente che passa e vede forse acquista di più. Attualmente sui siti esteri c'è di norma il triplo esatto delle proposte lanciate su un sito italiano”.

E per la nuova stagione che parte? Come si presentano i vostri siti? “Sono tre i nostri obiettivi e le nostre proposte: ampliare il palinsesto, curare meglio il sito con strumenti nuovi e grazie alla grafica e dotare le nostre agenzie di strumenti nuovi che aumentino l'usabilità e la fruibilità del nostro prodotto di betting – attacca Ricci – auspichiamo di aumentare il palinsesto complementare per la metà di ottobre e intanto lavoriamo sulle promozioni sul campionato di serie A che renderanno felici gli utenti e i nostri punti vendita. Accanto a questo miglioreremo sempre il sito con nuovi tools e statistiche in real time su tutte le quote proposte. Betradad ha scelto noi come partner privilegiato, offrirà una vera enciclopedia del web per aiutare l'utente a giocare davvero su tutto con info preziose. Un po' il vecchio giornale che si trovava sui banchi delle agenzie ma con possibilità infinite. Siamo convinti che questi siano i dettagli che a lungo termine possano fare davvero la differenza”.

I punto it lavorano sulla competitività ma la rete parallela illegale continua: “Una rete che esiste per due motivi – spiega Ricci – ci sono stati vizi di forma ed errori gravi in giurisprudenza che hanno permesso a questi operatori di esistere fino a oggi”.  

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.