Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il bookmaker B2875: 'Abbiamo sempre pagato l'imposta erariale, la sanatoria Ctd non ci riguarda'

  • Scritto da Ca

"Non ci identifichiamo come destinatario della “regolarizzazione” prevista dalla Legge di Stabilità varata dal Governo", a commentare è B2875, attivo nel settore del gambling internazionale.

Secondo il bookmaker "tale provvedimento ha delineato in maniera troppo generica i destinatari della “sanatoria” e si profila iniquo e parziale, in quanto le disposizioni normative in esso contenute, lungi dal dare seguito e applicazione ai principi sanciti a più riprese nel corso degli ultimi 15 anni dalla Corte di Giustizia Europea, creano invece
nuovi ed evidenti profili discriminatori".
La presunta “sanatoria”, prevista dalla legge entrata in vigore il 1° gennaio 2015 riguarda quindi solo alcuni degli operatori esteri, e non prende in considerazione la peculiare posizione assunta da B2875 sul mercato italiano delle scommesse sportive.
"La società  - proseguono - infatti ha da sempre rispettato le regole vigenti: dalla presentazione della richiesta delle autorizzazioni ex art. 88 del Tulps alle Questure, fino al pagamento dell’imposta unica erariale. Pertanto, benché B2875 abbia manifestato con forza la volontà di aderire ai precetti normativi del settore, al fine di operare sul territorio nazionale secondo i principi sanciti dalla Comunità Europea, precisa ancora che il “condono” non la riguarda, in quanto l’azienda, nel corso della propria operatività, ha regolarmente provveduto al pagamento dell’imposta secondo la raccolta di gioco effettuata".

Allo stesso tempo, l’unico obbligo a cui i centri collegati a B2875 dovranno ottemperare sarà quello di invio alle Questure competenti della comunicazione per l’ottenimento delle autorizzazioni di cui all’art.88 del Tulps, riservandosi di far valere le proprie ragioni nelle opportune sedi in ordine agli adempimenti fiscali previsti.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.