Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Legge Stabilità e controlli su Ctd, Stanleybet: “In corso ignorando specifica diffida”

  • Scritto da Redazione

Giudizio critico quello che Stanleybet dà sull’avvio da parte dell’Adm dei controlli dei Ctd, anche a esso collegati, finalizzati all’applicazione delle sanzioni previste dalla legge di Stabilità 2015.

A tale proposito, Stanley rende noto che a suo dire “tali controlli si sono svolti avendo ignorato una specifica diffida che era stata notificata agli organi apicali di Aams il 9 dicembre 2014, quando il primo testo del disegno di Legge di Stabilità era stato reso noto. Il giorno 25.02.2015, visto l’inizio dei controlli e dei procedimenti d’irrogazione delle relative sanzioni anche nei confronti di propri Ctd, Stanley ha immediatamente reagito e notificato un nuovo atto stragiudiziale agli organi apicali di Aams (…) anticipando la loro chiamata in giudizio, senza ulteriori avvisi, per i danni conseguenti alla violazione dell’obbligo di disapplicazione dell’art. 1, commi 643 e 644, della Legge di Stabilità 2015, per le parti che, in relazione alla specifica e peculiare posizione Stanley, confliggono con il diritto dell’Unione”.

 

LA SENTENZA DELLA CJEU - Infatti, “la Corte di Giustizia nella sentenza C-463/13 non ha mai detto che la gara del 2012 ha avuto carattere rimediale, e quindi le Autorità non hanno alcun titolo per chiudere i Ctd degli operatori che erano stati discriminati prima dell’ultima gara, per i quali, come ad esempio i Ctd collegati a Stanley, permane l’obbligo di disapplicazione di qualsiasi sanzione, anche penale. La Corte di Giustizia si è limitata ad affermare che la durata breve della gara non è di per sé contraria al diritto dell’Unione, ma non ha risposto al secondo quesito del Consiglio di Stato, e cioè: se una durata eccezionalmente breve della concessione poteva anche avere carattere rimediale delle discriminazioni subite in passato dalla Stanley; non ha affatto detto che Stanley, o qualsiasi altro operatore, era costretto a partecipare alla gara; si è discostata totalmente dagli obiettivi perseguiti dal legislatore italiano negli ultimi anni. Infatti l’obiettivo di riduzione del numero totale delle concessioni oppure l’esigenza di esercitare controlli di ordine pubblico più rigorosi nel settore delle scommesse, enunciate nella sentenza, sono stati immediatamente disattesi dalla Legge di Stablità 2015; non si pronuncia sulle diverse ed ulteriori questioni relative alla compatibilità dell’ultima gara con il diritto dell’Unione sollevate dapprima dalla Corte di Cassazione e, successivamente, da altri ben 26 giudici penali”.

 

LA CITAZIONE IN GIUDIZIO – Stanley fa sapere che il suo dipartimento legale sta preparando la citazione in giudizio che “riguarderà la chiamata in solido sia degli organi apicali di Aams, sia dei funzionari che hanno eseguito l’accesso ai locali di Ctd Stanley, qualora il motivo dell’accesso sia stato l’applicazione di parti della Legge di Stabilità 2015 che confliggono con il diritto dell’Unione e tale applicazione sia continuata malgrado Stanley abbia immediatamente rappresentato ai funzionari che accedevano ai locali le ragioni giuridiche che avrebbero imposto, anche da parte loro, la disapplicazione della normativa”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.