Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Obiettivo 2016 al CdS: ‘Scommesse, Adm autorizzi libera iniziativa operatori’

  • Scritto da Redazione

La società di servizi presenta ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio con cui le è stato negato di operare come bookmaker, in assenza di concessione.

Obiettivo 2016 ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio dello scorso marzo con la quale veniva respinta la sua richiesta di operare come bookmaker senza concessione statale. Nel ricorso, depositato in queste ore, Obiettivo 2016 giunge provocatoriamente alla conclusione che l’autorizzazione ufficiale dei Monopoli alla libera iniziativa degli operatori è l’unica soluzione per risolvere l’ambiguità del mercato delle scommesse in Italia. "Nell’attuale contesto normativo - si legge nel ricorso - un assenso ufficiale di Adm all’iniziativa di qualsiasi operatore è l’unico modo per garantire piena applicazione non solo dei principi di libertà di circolazione e stabilimento ribaditi dalla Corte di Giustizia europea, ma anche e soprattutto dei principi di parità di trattamento e non discriminazione tra imprese, diverse solo per nazionalità, che intendono operare nello stesso settore". Secondo la società di servizi nel corso degli anni si è affermato un quadro normativo chiaro: "Tutte le disposizioni del nostro ordinamento e le prassi che, recependo il diritto europeo, generano una paradossale disparità di trattamento a danno dei cittadini italiani non hanno ragion d’essere alcuna: devono essere disapplicate".

Il ricorso evidenzia, in riferimento alla cosiddetta sanatoria prevista dalla legge di stabilità 2015, che tale provvedimento sembra confermare “la ragione addotta a motivo del diniego opposto all’istanza di Obiettivo 2016 e cioè che i titoli abilitativi reclamati dalla ricorrente non sarebbero contemplati dal quadro giuridico-istituzionale nel quale essa stessa opera, dato che invece il legislatore ha ben integrato il quadro giuridico-istituzionale dotando i Ctd di un titolo abilitativo a sanatoria della loro operatività priva di concessione". Una palese violazione del principio di uguaglianza, secondo la società, che dunque oltre al consenso per operare senza concessione solleva al Consiglio di Stato anche la questione di legittimità costituzionale.

 

Nel ricorso, Obiettivo 2016 evidenzia come “nel nostro Paese in relazione alla disciplina dei giochi e delle scommesse: agli operatori stranieri, muniti di un generico titolo abilitativo, direttamente o indirettamente operanti in Italia, non si applica il rigido regime concessorio in vigore per gli operatori nazionali, essendo loro riconosciuta la più ampia libertà di attività come organizzatori di giochi e raccoglitori di scommesse” e questo, a suo dire, “ha un precisissimo significato: solo gli operatori aventi sede in Italia continuano a sottostare al rigore della disciplina del sistema concessorio; non solo devono fare a gara per ottenere un titolo che gli consenta di operare; ma, una volta ottenuto tale titolo, devono sottostare a una serie di regole speciali, in gran parte previste dai disciplinari di concessione, che, ad esempio, escludono qualsiasi libertà nell’individuazione di nuove tipologie e modalità di offerta dei prodotti e servizi, dovendosi i concessionari attenere a un palinsesto predeterminato dall’Amministrazione”.

 

 
LA POSIZIONE DI OBIETTIVO 2016 - Già da tempo l’amministratore unico di Obiettivo 2015, Maurizio Ughi, auspica una rete dei giochi unica, basata su regole certe e dove tutti siano in grado di competere ad armi pari e anche recentemente, alla luce della decadenza della delega fiscale in materia di gioco e della possibile proroga per il bando scommesse, oltre alla riapertura dei termini della sanatoria, ha affermato che “lo Stato sa bene che i Ctd hanno vantaggi in più rispetto ai concessionari di stato e questo va risolto. Questo settore se ben regolarizzato e tutelato può generare risorse ancora maggiori delle attuali”.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.