Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Bolzano, Ughi (Obiettivo 2016): 'Sentenza importante, silenzio Adm assordante'

  • Scritto da Ac

Maurizio Ughi di Obiettivo 2016 commenta la sentenza sul caso Bolzano e definisce inspiegabile il non intervento ad adiuvandum di Adm.

"Credo che la sentenza pronunciata dal Tar di Bolzano sia un risultato importante e che debba far riflettere sulla riorganizzazione futura del comparto di cui si sta parlando in questi giorni. Trovo però altrettanto rilevante, ma in senso negativo, il silenzio dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli su questa vicenda, non essendo intervenuti ad adiuvandum".

A parlare è Maurizo Ughi, leader di Obiettivo 2016, commentando la pronuncia dei giorni scorsi del Tar Bolzano che ha annullato la normativa locale sull'esercizio dei locali di gioco.

"Leggendo la sentenza è emblematico il fatto che alcune associazioni e organismi che tutelano i giocatori patologici abbiano scelto di intervenire in favore del comparto del gioco pubblico, evidenziandone, evidentemente, il ruolo strategico nel contrasto alle dipendenze e nei confronti dell'ordine pubblico più in generale, mentre il regolatore del comparto che dovrebbe semplicemente ribadire i principi del proprio operato quotidiano non intervenga. Un silenzio che considero assordante, perché ingiustificabile".
Ughi proprio stamattina, 3 novembre, nelle vesti di consigliere Agisco, aveva sottolineato l'assenza dei Monopoli di fronte a problematiche specifiche e di diretta competenza dell'amministrazione che sono causa di squilibri sul mercato e problemi per operatori e lo stesso evidenzia rispetto al caso Bolzano, enfatizzando l'assenza nel contenzioso forse più importante per il comparto del gioco pubblico”.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.