Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

La Svizzera ratifica la convenzione Macolin contro il match fixing

  • Scritto da Ca

La Svizzera dal primo settembre entra nella convenzione del Consiglio d'Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive nota come convenzione Macolin. 

 

 

 

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive, nota anche come convenzione di Macolin, entrerà in vigore il  primo settembre. La Svizzera oggi è diventata il quinto stato membro del Consiglio d'Europa a ratificare la convenzione - dopo la Norvegia, il Portogallo, la Repubblica di Moldavia e l'Ucraina - innescando la sua entrata in vigore. L'Italia anche è pronta, finalmente, a raggiungere gli altri paesi. 

"L'entrata in vigore della Convenzione di Macolin è una buona notizia per tutti coloro che apprezzano il fair play e l'integrità nello sport", ha affermato il segretario generale del Consiglio d'Europa Thorbjørn Jagland.

"La convenzione rappresenta un importante passo in avanti nella lotta alla corruzione nello sport e ha ricevuto il sostegno deciso di importanti organizzazioni e partner sportivi tra cui la FIFA e la UEFA. Invito tutti i nostri stati membri e paesi in tutto il mondo a firmare e ratificare la convenzione il prima possibile ".

Lanciata nel 2014, la Convenzione di Macolin è l'unico trattato internazionale legalmente vincolante che promuove la cooperazione globale per affrontare il match fixing.

La convenzione copre una vasta gamma di questioni tra cui partite truccate, scommesse illegali, cattiva gestione, informazioni privilegiate, conflitti di interesse e l'uso di società sportive come società di comodo.
Si basa sullo stato di diritto e tiene conto dell'impatto che la manipolazione ha sullo sport, sugli atleti e sulla società nel suo complesso.
La Croazia e San Marino hanno firmato la convenzione in una cerimonia speciale a Helsinki oggi, insieme alla sessione annuale del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa.
Un totale di 37 paesi, tra cui l'Australia, hanno ora firmato la convenzione. Anche altri paesi non europei, tra cui Capo Verde e il Marocco, hanno espresso interesse a partecipare.

 

Share