Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse, Ibia: 'Italia equilibrata ma rischio norme stringenti'

  • Scritto da Amr

Ecco come l'Ibia classifica la regolamentazione italiana del mercato delle scommesse, in un contesto mondiale.

"Dal punto di vista regolamentare, il modello più puro in vigore, che serve a massimizzare il presidio del mercato e la protezione dei consumatori, pur promuovendo la concorrenza e la scelta, è fornita da licenze illimitate per canali di scommesse sia terrestri che online. Ciò si vede con i migliori effetti in Gran Bretagna, ma è anche evidente in numerosi altri Paesi come Svezia, Spagna, Danimarca, Kenya, Messico e Colombia, tra gli altri. L'Italia impone inoltre un modello normativo che consente agli operatori privati ​​di ottenere licenze sia per i servizi terrestri che per quelli servizi di scommesse online, sebbene limiti il ​​numero di licenze disponibili. Tuttavia, il numero di licenze offerto è così alto (80+) che è vicino a un modello di licenza illimitato".

Lo osserva l'International Betting Integrity Association - associazione no profit contro il match fixing formata dai principali bookmaker europei - nell'esaminare in un report la regolamentazione delle scommesse in 20 Paesi assieme alla società di consulenza H2 Gambling Capital.
 
Quanto agli effetti dalla pandemia, osserva l'Ibia, essa "ha causato incertezza finanziaria per molti club e competizioni sportive e alcune giurisdizioni si sono rivolti alle scommesse come un potenziale mezzo per fornire ulteriore supporto finanziario. In Italia, ad esempio, è stata decisa un'imposta dello 0,5 percento del fatturato sulle scommesse terrestri e online per il periodo che va da maggio 2020 alla fine del 2021. Insieme a un aumento generale delle tasse sulle scommesse relativamente recente e a un divieto totale di pubblicità, si prevede ampiamente che l'onere fiscale aggiuntivo imposto al settore terrestre andrà a beneficio di quello offshore".
 
Inoltre, "laddove sono state imposte restrizioni sui prodotti, la politica prevalente è stata quella di ampliare costantemente l'elenco di eventi sportivi prescritti e tipologie di scommesse consentite, come in Italia".
 
Il rapporto segnala inoltre come "l'obbligo di segnalare le scommesse sospette è particolarmente evidente nei quadri europei delle licenze per il gioco d'azzardo con Francia, Italia, Danimarca, Svezia e Spagna, tra gli altri, adottando pratiche simili alla Gran Bretagna".
Share