Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Eag 2019, Ferro (New Asgi): ‘Unione internazionale su amusement'

  • Scritto da Ac

Vanni Ferro, presidente di New Asgi, all'Eag 2019 chiede al settore dell'amusement di unire le forze a livello internazionale per bloccare le restrizioni nazionali.

Londra - “L’errore italiano potrebbe non essere soltanto italiano. Per questo è importante portare all’attenzione generale questo problema le cui conseguenze sono destinate a colpire l’intera industria a livello globale”.

A parlare è Vanni Ferro, presidente dell’associazione delle sale giochi italiane, New Asgi, intervenendo al seminario di GiocoNews.it all’Eag di Londra dedicato al caso italiano dell’amusement e al divieto di alcune regioni nei confronti delle ticket redemption.

“Ho appreso che anche altri Paesi come la Francia stanno adottando restrizioni contro questo tipo di giochi e questo già rivela la pericolosità del fenomeno a livello generale. Per questo riteniamo fondamentale unire le forze, come industria, a livello internazionale per fare in modo di riuscire a spiegare alla politica e alle istituzioni la realtà de nostro settore e far sentire la nostra voce. Sono molto lieto di sentire oggi le parole del presidente di Euromat che sposa la nostra linea perché avremo bisogno di tutto l’apporto necessario per cambiare la situazione ed evitare che questa peggiori anche fuori dal nostro Paese”.

Riguardo all’Italia poi evidenzia: “Abbiamo detto che in Italia già quattro regioni hanno introdotto un divieto specifico sulle ticket redemption, ma si tratta soltanto delle prime perché non essendoci una cultura e una conoscenza del settore quello che temiamo e che in parte sta già accadendo è l’effetto domino con altre regioni che si allineano alle altre adottando iniziative legislative simili. Noi abbiamo cercato di fare un fronte comune tra operatori e associazioni per far capire la nostra realtà e gli errori della politica ma serve qualcosa di più e il sostegno di tutta l’industria”.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.