Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Comma 7, autocertificazioni: possibile proroga al 30 aprile

  • Scritto da Fm

Uffici di Adm avrebbero anticipato ad alcuni operatori dei comma 7 lo spostamento al 30 aprile dei termini per presentare le autocertificazioni secondo le nuove regole, si attende circolare dell'Agenzia per averne la certezza.

Manca ancora il crisma dell'ufficialità, ma nelle ultime ore si sono infittite le voci circa una possibile proroga, fino al 30 aprile, dei termini per l'autocertificazione degli apparecchi da gioco senza vincita in denaro, attualmente in scadenza il 28 febbraio

Molti uffici e il numero dell'assistenza dell'Agenzia accise, dogane, monopoli - stando a quanto riferiscono a GiocoNews.it alcuni operatori del comparto del puro intrattenimento - danno già per scontata la proroga, ma ovviamente per averne la certezza è necessaria una circolare, al momento non ancora pubblicata.

La possibile proroga potrebbe rispondere ad alcuni problemi non di poco conto emersi nell'attuazione delle nuove regole tecniche per l'amusement introdotte dalle determinazioni direttoriali di Adm n. 151294/RU del 18 maggio 2021, n. 172999/RU del 01 giugno 2021 e n. 480037/RU del 16 dicembre 2021, e oggetto di una nuova circolare diramata dall'Agenzia ai primi di febbraio: alcune delle autocertificazioni presentate fin qui risultano sbagliate e quindi devono essere rifatte da capo, e negli uffici non c'è il tempo materiale per lavorarle in tempo utile.
Poi, sulla registrazione delle pratiche, anche per via della grande mole di autocertificazioni presentate - oltre 40mila - pesano anche i ripetuti blocchi della piattaforma.

Inoltre, come già evidenziato da diverse associazioni di rappresentanza del settore, nonostante i tanti comunicati stampa a riguardo, la normativa risulta “ignota” soprattutto a chi non svolge quella di gioco come attività prevalente, come ad esempio i gestori degli stabilimenti balneari o dei circoli di biliardo.

Insomma, tanti nodi venuti al pettine, per i quali, appunto, è auspicabile la concessione di qualche altra settimana di tempo.
Anche se la proroga risulta comunque un po' fine a se stessa, dato che non risolve i problemi degli operatori, ma li sposta solo in avanti.
 
Le associazioni rappresentative del puro intrattenimento, interpellate da GiocoNews.it, al momento si dicono "caute", e attendono la formalizzazione della proroga.
 
 
Al momento, il termine del 28 febbraio vale per i possessori di apparecchi da gioco senza vincita in denaro installati prima del 1° gennaio 2003 e degli apparecchi meccanici ed elettromeccanici (calciobalilla, carambola, flipper, freccette, ex Am1 ad Am6) già installati alla data del 1° giugno 2021.
Per quella data infatti - se non arriverà una nuova circolare di Adm - cesseranno di avere efficacia i nulla osta per la messa in esercizio di tali apparecchi; perciò, chi non ne avrà richiesto uno nuovo in sostituzione del precedente accedendo all’area riservata sul sito dell’Agenzia – le istanze devono risultare sull’applicativo almeno nello stato 'protocollate' -, dietro presentazione dell'autocertificazione attestante la conformità alle regole tecniche vigenti, dovrà procedere alla loro rimozione dagli esercizi pubblici ove sono ubicati.
 
 
Share