Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Greco: 'Banca dati per malati di Gap e controlli più rigidi'

  • Scritto da Sm

L'avvocato Maurizio Greco al convegno organizzato dalla Spisa di Bologna chiede di creare una banca dati dei malati di Gap e più controlli.

Bologna - "Storicamente il problema del gioco era di ordine e sicurezza pubblica con una offerta limitatissima: lotto e totocalcio. Era un gioco che si svolgeva prevalentemente in bar e tabacchi che aveva bisogno di un controllo pubblico ristretto, con poche problematiche, fermo restando il gioco illegale. Lo Stato segue sempre il mercato e non il contrario. Questo ha dei limiti. Il gioco ha sempre attratto e il fenomeno è principalmente di pubblica sicurezza, mentre oggi sta diventando un problema di tutela della salute dato che il gioco può dare luogo a fenomeni di patologia all'ingresso".


Queste le parole dell'avvocato Maurizio Greco al convegno "Il gioco lecito tra regolazione e tutela dei diritti", organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Studi sull'Amministrazione Pubblica dell'Alma Mater di Bologna in collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze, oggi, lunedì 15 maggio.
"La sicurezza è un problema allargato e la tutela della salute rientra sotto una competenza che sfugge dallo Stato centrale e va a finire sotto le competenze di Regioni e Comuni. Il gioco è quindi diventato un problema sociosanitario. Quindi diventa enormemente problematico per gli operatori e i concessionari dato che c'è una differenziazione importante a livello locale. È vero che la Conferenza unificata deve trovare una soluzione a tutto questo, ma come si è visto la cosa non è facile. Il discorso della tutela della salute è delicato e va contemperato con il discorso del mercato. Quindi non vorrei che si vada a regolamentare troppo facendo rimanere fuori il grosso. Credo che per riuscire a contemperare le situazioni si potrebbe arrivare a un regime di tutela della salute fermo restando l'ordine pubblico prevedendo delle situazioni rigide, dando la potestà ai Comuni di controllo sull'obbligo di divieto di gioco a chi è ludopatico (banca dati), intervenendo contro quegli operatori e sale che non sottostanno alle regole e dove non c'è l'identificazione del cliente", conclude Greco.
 L'evento, di cui Gioco News è media partner, è stato accreditato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.