Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Finanziamenti ippica, D'Alesio: 'Decreto non registrato a Corte Conti'

  • Scritto da Redazione

Attilio D'Alesio, presidente del Coordinamento ippodromi, chiede al ministro Centinaio di sbloccare finanziamenti a società di corse.

“Il decreto n. 66046 del 21 settembre firmato dal ministro Centinaio non è stato ancora registrato dalla Corte dei Conti e quindi sono bloccati i finanziamenti per i servizi resi dal 1 gennaio dalle società di corse.

La situazione, nonostante le apprezzabili dichiarazioni e le iniziative del ministro Centinaio, è sempre più insostenibile e grave , mettendo le società di corse in condizione di non poter più proseguire l’attività”.

A segnalarlo, in una nota, è Attilio D'Alesio, presidente del Coordinamento ippodromi, tornando sul mancato sblocco dei pagamenti alle società di corse, nonostante il decreto firmato da Gian Marco Centinaio a settembre e le sue rassicurazioni in proposito


“Chiediamo quindi al ministro di intervenire urgentemente e porre fine a questa assurda situazione che va avanti da oltre 10 mesi e restiamo in attesa di una sua convocazione per potergli ben rappresentare la situazione in cui siamo precipitati e poter finalmente imboccare la strada per la ripresa ed il rilancio dell’ippica nazionale”, conclude il Coordinamento ippodromi.
 
 
Solo ieri, 10 ottobre, dopo l'incontro con i rappresentanti degli allevatori e dei fantini, Centinaio ha promesso la convocazione entro il 30 ottobre di un tavolo tecnico con i rappresentanti di tutta la filiera ippica per avviare una riforma condivisa del settore.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.