Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

L'Abbate: 'Ippica, al lavoro per dare certezze alla società di corse'

  • Scritto da Redazione

Il sottosegretario L'Abbate incontra il Gruppo Ippodromi Associati e i sindacati e fa il punto sulla liquidazione dell'acconto sulla sovvenzione 2020.

“La conclusione della prima fase del decreto ministeriale ha risentito degli inevitabili tempi procedurali di un complesso iter amministrativo, legati alla natura pubblica delle risorse. Per ovviare alle lunghe tempistiche, siamo procedendo con un lavoro di riforma generale del settore nonché attraverso soluzioni gestionali amministrative attuabili fin dal prossimo anno".

Queste le parole di Valerio L'Abbate, sottosegretario al Mipaaf con delega all'ippica e che oggi, 8 luglio, ha incontrato il Gruppo Ippodromi Associati che, unitamente alle segretarie nazionali di Slc-Cgil, Uilcom-Uil e Fisascat-Cisl, hanno denunciato il disagio di natura economico-finanziaria. Il Ministero ha informato sullo stato dell’arte delle procedure volte alla liquidazione dell’acconto sulla sovvenzione 2020, come previsto dal decreto ministeriale 4701/2020, e sui tempi attuativi del Decreto direttoriale per la determinazione delle sovvenzioni specifiche per ogni società di corse per l’anno 2020. Dal Mipaaf sono giunte rassicurazioni sui tempi oramai prossimi per la celere conclusione dell’approvazione da parte dei competenti organi di controllo del contratto che consentirà, in tal modo, l’erogazione di una prima tranche della sovvenzione a partire dalla fine di luglio.

Come spiega il sottosegretario, "è infatti, importante dare certezze operative alle società di corse sia in termini di contratti vigenti ed efficaci all’inizio dell’anno sia sui tempi di erogazione. Quest’ultimi dovranno necessariamente essere anticipati per far fronte alle esigenze della necessaria liquidità per il pagamento delle proprie maestranze”.

L’incontro si è concluso con la conferma da parte del Ministero delle Politiche agricole che le società di corse possono emettere le fatture per il citato acconto del 40 percento, stante il prevedibile lasso di tempo per considerare il contratto, già approvato, efficace sotto il profilo giuridico e di cui è prossima la conclusione dell’iter amministrativo. A fronte di ciò, le società di corse si sono impegnate ad erogare gli stipendi correnti. In merito alla riforma del settore, infine, il sottosegretario L’Abbate ha confermato l’impegno al coinvolgimento delle parti sociali presenti all’incontro odierno.

Share