Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ippodromo Livorno, Salvetti: 'Bando deserto, ora trattativa privata'

  • Scritto da Francesca Mancosu

Il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, commenta a GiocoNews.it gli esiti del bando per l'affidamento della gestione dell'ippodromo Caprilli.

“Tutti ci dicevamo 'bravi, bisogna rilanciare l'ippica', ma al momento di società che vogliono impegnarsi per valorizzare un patrimonio storico come il Caprilli non ce ne sono”.

C'è un po' di amarezza nelle parole con cui il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, commenta a GiocoNews.it gli esiti del bando per l'affidamento della gestione dell'ippodromo cittadino per un anno, andato, purtroppo deserto.

Ma, nonostante questo, il primo cittadino labronico non si perde d'animo.

Come noto, i bandi erano due: quello per la gestione e quello per la rifunzionalizzazione della struttura. Il secondo è stato assegnato e abbiamo già cominciato a lavorare per la riapertura (in programma a luglio con sei giornate di corse, Ndr). La strada da percorrere ad oggi è andare a trattativa privata; sentiremo se ci sono persone disposte a gestire l'ippodromo. I criteri del bando dovrebbero essere mantenuti, ma bisogna vedere se il mondo dell'ippica risponde”, puntualizza.

 

Salvetti quindi risponde anche a chi aveva criticato il bando pubblicato del Comune per la presenza di requisiti ritenuti da alcuni operatori difficili da poter vantare, come un fatturato di 3 milioni negli ultimi 3 anni, con la possibilità di pagare il canone annuo fissato in oltre 80mila euro.
“Tre milioni in tre anni non mi sembra una cifra impossibile, considerando che per il bando per la gestione dell'ippodromo di Palermo (che ha riaperto i battenti pochi giorni fa, dopo due anni e mezzo di chiusura  e due bandi comunali andati deserti, Ndr) i milioni erano sei.
Se non riuscissimo, l'alternativa è un accordo con qualche soggetto interessato per organizzare le sei giornate previste, oppure c'è un 'piano C', al quale stiamo già lavorando”.
 
Share