skin

Brincat: 'Innovazione e sostenibilità, all’insegna dell’equilibrio per il gaming a Malta'

27 gennaio 2024 - 09:17

Carl Brincat traccia un bilancio del suo mandato triennale alla guida della Malta Gaming Authority, che ha lasciato il 26 gennaio.

Scritto da Ac
brincat.png

Malta è da sempre un punto di riferimento nella gestione e regolamentazione del gaming e un hub strategico in Europa per l’industria. Ma come si sostiene questo florido ecosistema e quali sono i suoi punti di forza e i possibili sviluppi futuri? Lo chiediamo a Carl Brincat, che come annunciato ha lasciato da ieri 26 gennaio il ruolo di amministratore delegato della Malta Gaming Authority (Mga), regolatore del comparto, e che traccia un bilancio del suo mandato dopo tre anni di attività. 

“Credo che la valutazione degli altri sia il miglior metro per misurare la propria efficacia nella leadership. Detto questo, guidare l’Autorità negli ultimi tre anni è stato un privilegio assoluto. Sono molto orgoglioso del team altamente motivato che mi ha circondato e del lavoro che abbiamo svolto insieme. La parola chiave dell’approccio è sempre stata ‘equilibrio’: ci siamo impegnati a snellire le nostre procedure, in particolare a seguito del rinnovamento del processo di richiesta delle licenze di gioco, e a ridurre la burocrazia superflua, continuando allo stesso tempo ad affinare il nostro approccio normativo e renderlo più solido.
Il benessere dei giocatori è rimasto la massima priorità, come evidenziato dalle modifiche alla Direttiva sulla protezione dei giocatori, che hanno introdotto cinque indicatori di danno che indicano che un giocatore potrebbe avere problemi di gioco.
Garantire la sostenibilità dell'industria a Malta è stato al centro dell’attenzione negli ultimi tre anni. Abbiamo abbracciato l’innovazione per assicurarci di rimanere all’avanguardia nel campo della regolamentazione di gioco, aprendo la strada all’uso delle criptovalute come mezzo di pagamento, nonché all’uso di accordi tecnologici innovativi (Ita), inclusi blockchain e contratti intelligenti, all’interno delle operazioni di gioco. Il nostro impegno nell’esaminare la sostenibilità del settore in modo olistico è dimostrato anche dal Codice di buone pratiche Esg volontario che abbiamo lanciato.”

C'è qualcosa che avrebbe voluto fare di più o di diverso come Ceo della Mga? Ha qualche rimpianto?

“Cerco di non soffermarmi mai sugli errori passati; ne ho fatti molti, ma trovo sempre più produttivo imparare da essi piuttosto che soffermarmi su di essi. Non direi che ho rimpianti perché ho sempre fatto il massimo nell’interesse dell’Autorità, dell'industria e del Paese. Ma per identificare qualcosa in particolare mi sarebbe piaciuto trovare un migliore equilibrio tra tenere il passo con tutti i miei impegni di relatore e soddisfare le richieste delle parti interessate esterne (sia a livello locale che all'estero), ed essere sufficientemente presente tra tutto lo staff di Mga. Mi sarebbe piaciuto trascorrere più tempo quotidianamente con i miei colleghi.”

Quali crede che saranno i fattori trainanti che guideranno il futuro del gioco a Malta?

“Come pioniere nella regolamentazione del gioco, con oltre venti anni di esperienza, Malta può continuare a essere all’avanguardia nell’eccellenza normativa nonché nell’abbracciare l’innovazione nei giochi, nella tecnologia, nell’esperienza dell’utente e nel reclutamento di talenti. Padroneggiare il giusto equilibrio tra consentire all'industria di prosperare e crescere in modo sostenibile da un lato e proteggere i consumatori dall’altro è la chiave del continuo successo di Malta. La licenza maltese offre ai giocatori la tranquillità che i loro fondi sono al sicuro e che stanno partecipando a un ambiente di gioco che dà priorità al loro benessere e che impiega attivamente solide garanzie contro potenziali rischi.
Tuttavia anche il nostro regime di licenze è strutturato in modo tale da creare condizioni di parità affinché gli operatori di gioco di buona volontà possano prosperare.
Altri fattori chiave includono l’adesione di Malta all’Ue, la sua forza lavoro multilingue, nonché la sicurezza e la stabilità offerte dal paese. Gli investitori a Malta beneficiano di un’ampia rete di trattati contro la doppia imposizione, mentre la posizione strategica di Malta collega Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Ultimo, ma certamente non meno importante, anche l’esistenza di un regolatore che sia aperto, accessibile e che disponga di personale estremamente competente continuerà sicuramente a dare un grande contributo.”

Che ruolo potrebbe avere in futuro l’isola di Malta all’interno dell’ecosistema globale del gioco?

“Il panorama del gioco è costantemente guidato dai progressi tecnologici e dalla continua innovazione. Con la sua solida infrastruttura tecnologica e l’impegno per l’innovazione Malta è ben posizionata per trarre vantaggio da questa tendenza mentre le nostre normative neutrali riguardo la tecnologia consentono alla posizione di Mga di rimanere rilevante nonostante la natura in rapida evoluzione dell'industria.
Promuovere la collaborazione internazionale è stato essenziale per il successo dell’industria del gioco di Malta. Costruire forti collaborazioni con altri enti di vigilanza e parti interessate dell'industria facilita lo scambio di migliori pratiche e aiuta ad affrontare le sfide comuni. Un dialogo rafforzato può anche svolgere un ruolo cruciale nella progettazione di strategie normative più reattive e transfrontaliere, nonché di strumenti di applicazione della legge più efficaci per combattere il riciclaggio di denaro e la corruzione. Promuovere e facilitare la condivisione dei dati aiuta ad acquisire una comprensione più profonda delle tendenze dell'industria, dei rischi potenziali e delle problematiche emergenti all’interno di un'industria del gioco in continua evoluzione. Ciò consentirebbe ai regolatori di rispondere in modo più efficace alle sfide che trascendono i confini. L’ecosistema che è stato creato nel corso degli anni, composto da industria, regolatori e fornitori di servizi – sostenuto da una visione politica stabile che favorisce la presenza dell’industria nel paese – significa che Malta può continuare a svolgere il ruolo di essere la sede dell'industria.”

Quali sono, secondo lei, le principali priorità da gestire per garantire un futuro sostenibile all'industria dei giochi in generale?

“Come ho già detto, un fattore fondamentale per la sostenibilità e la longevità dell'industria è quello di creare un ambiente che bilanci gli interessi economici con la tutela dei consumatori e della società nel suo insieme.
La standardizzazione delle migliori pratiche in settori quali l’antiriciclaggio di denaro e il gioco d’azzardo responsabile può ridurre i costi normativi per gli operatori di gioco. Aderendo a standard comuni gli operatori possono evitare la necessità di conformarsi a un mosaico di normative diverse provenienti da diverse giurisdizioni. Ciò può semplificare i processi di conformità e ridurre gli oneri amministrativi. È qui che penso che l’industria possa fare di più. Garantire di avere una voce forte e unificata su tali questioni, nelle rappresentazioni fatte ai governi di tutta Europa e al resto del mondo e a istituzioni come la Commissione europea, è e continuerà a essere fondamentale per guidare gli sviluppi in un modo che sia favorevole alla sostenibilità dell'industria. Questa voce unificata è estremamente necessaria anche per sfatare una serie di miti e idee sbagliate sull'industria e anche per migliorare l’immagine dell'industria agli occhi di molte parti interessate al di fuori di essa. È stato fatto molto, ma a mio avviso molto resta ancora da fare. Un’altra priorità è affrontare la sfida del capitale umano investendo in programmi di istruzione e formazione per sviluppare una forza lavoro qualificata in grado di soddisfare la domanda. Mga, ad esempio, svolge numerose attività di sensibilizzazione con istituti di istruzione e studenti durante tutto l'anno, concentrandosi su come l'industria può presentare un percorso di carriera praticabile e gratificante. Sottolineiamo inoltre le pratiche di gioco responsabile e la responsabilità sociale per aiutare ad attrarre persone sinceramente interessate ad avere un impatto positivo nell'industria. Ciò è essenziale per la sostenibilità di Malta come sede dell'industria ma anche per la sostenibilità dell'industria stessa, poiché richiede persone competenti per continuare a operare in modo conforme e allo stesso tempo attraente per i suoi giocatori.” 

Da ieri il ruolo di amministratore delegato della Mga è ricoperto da Charles Mizzi.

Altri articoli su

Articoli correlati