Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Tassa 500 milioni, Tar Lazio: 'Rinvio a Corte costituzionale anche per ricorsi gestori'

  • Scritto da Francesca Mancosu

Oltre a ledere il principio di libertà economica privata la tassa 500 milioni impone "ai gestori di rinegoziare i contratti"

 

Dopo le ordinanze inerenti i ricorsi dei concessionari contro la tassa da 500 milioni il Tar Lazio si occupa anche dei gestori di slot e Vlt ribadendo il rinvio alla Corte Costituzionale.

 

Con una serie di ordinanze i giudici amministratori sottolineano che "l’imposizione di una rinegoziazione dei contratti appare ontologicamente incompatibile con la incomprimibile autonomia delle parti di pervenire solo eventualmente ad un nuovo e diverso accordo negoziale, laddove è verosimile ritenere che per realizzare lo stesso obiettivo sarebbe stato sufficiente stabilire una riduzione 'pro quota' ed 'a cascata' dei compensi spettanti a tutti gli operatori di filiera senza imporre una rinegoziazione in via autoritativa".

 

"Con specifico riferimento alla posizione dei gestori nell’ambito della ridefinizione dei loro rapporti con i concessionari, il Collegio ritiene altresì irragionevoli e lesive del principio di liberta dell’iniziativa economica privata le norme sopra richiamate atteso che il nuovo meccanismo disegnato dalla norma determina che l’erogazione del compenso ai gestori, a differenza che per i concessionari, sia rinviato nel tempo, ed è subordinata alla sottoscrizione dei contratti rinegoziati con gli stessi".

 
"I precetti de quibus, quindi, si rivelano irragionevoli e lesivi del principio di libertà economica privata perché impongono autoritativamente ai gestori, in posizione contrattuale di minore forza rispetto ai concessionari esercenti pubbliche funzioni, di rinegoziare i contratti e, quale conseguenza della mancata rinegoziazione, prevedono che nessun compenso possa essere loro erogato, ancorché maturato nella vigenza di un precedente contratto di diritto privato", si legge nelle ordinanze.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.