Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Udienza conoscitiva Regione Emilia Romagna: “Tutelare gioco lecito e sano e posti di lavoro”

  • Scritto da Sara

Contrastare e prevenire la dipendenza patologica dal gioco d’azzardo, con una regolamentazione chiara e non di facciata e attraverso la collaborazione di tutti: Enti locali, associazioni e gestori. Sono alcune delle sollecitazioni e indicazioni avanzate dalle associazioni di categoria e dagli operatori del settore intervenuti oggi all’incontro con la commissione regionale “Politiche per la salute e politiche sociali”, presieduta da Monica Donini. Una udienza conoscitiva sulla proposta di legge, presentata da Pd, Idv, Sel-Verdi e Fds, “finalizzata a contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari e il danno sociale legato all’aumento nella popolazione della patologia di dipendenza correlata”.

As.Tro: "Settore in prima linea per garantire sicurezza"

Consiglio provinciale di Bologna: "Sì a odg per normativa nazionale su gioco"

Comune di Bergamo, Lussana: "Impossibile vietare le slot"

Regione Veneto: il 16 maggio audizione in commissione Sanità sul gioco

Mario Cervi (Il Giornale): "Senza lo Stato il gioco prospererebbe nell'illegalità"

Regolamento anti-slot a Genova, Acadi: “Pieno sostegno a Sistema Gioco Italia”

Al via il progetto di Codici e Regione Lazio su gioco e minori

Gap, il 17 un seminario per gli operatori a Ispra (Va)

L’associazione Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia ha ricordato che, a breve, nascerà il progetto Pluto: “una struttura residenziale” per accogliere e curare giocatori con disturbo da Gap (gioco d’azzardo patologico). Le associazioni dei gestori di “sale gioco” e produttori di slot chiedono però di salvaguardare le attività e l’offerta del “gioco lecito e sano”, controllato e governato dallo Stato, al fine di contenere e contrastare lo sviluppo incontrollato del gioco illecito gestito dalla criminalità organizzata. I gestori hanno inoltre ricordato la filiera del “gioco lecito e sano” che occupa migliaia di lavoratori.

“No al divieto generalizzato del gioco lecito”, ha chiesto il rappresentate dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. “C’è il rischio - ha aggiunto - che il gioco lecito e controllato sia rimpiazzato da un gioco illecito in mano alla criminalità organizzata”.        

In apertura dei lavori, Liana Barbati, relatrice della proposta di legge, ha ricordato le finalità del provvedimento. In particolare, la patologia correlata, gli aiuti agli esercenti che rifiutano l’installazione di slot, e quindi il marchio di locale ‘Slot freE-R’, e le funzioni dell’Osservatorio regionale.

“La dipendenza da gioco d’azzardo - ha sottolineato Giuseppe Pagani (primo firmatario della proposta di legge) - è ormai considerata una vera e propria emergenza sociale di grande rilievo. Il gioco d’azzardo patologico non riguarda più una minoranza di cittadini, ma è diventato gioco industriale di massa; il nostro intento è quello di dare la possibilità, alle persone affette da gioco d’azzardo patologico, di fare qualcosa per se stessi, la propria famiglia e la società”.

 

Alla proposta della maggioranza (scelta come testo base), ha ricordato la presidente Monica Donini, sono abbinati altri tre progetti di legge presentati da Galeazzo Bignami (Pdl), da Silvia Noè (Udc), che ha presentato anche una proposta di legge alle Camere, e dai consiglieri Giovanni Favia (Misto) e Andrea Defranceschi (Mov5stelle).

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.