Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Agenzia delle Entrate: Sts 'Si controllano i compensi sulle slot 2011'

  • Scritto da Redazione

L'Agenzia delle Entrate chiede nella dichiarazione dei redditi anche i compensi derivanti dalle slot nel 2011.

 

Serie di verifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni dei redditi relativi all’anno 2011, con particolare attenzione ai compensi derivanti dalle new slot. "Avendo riscontrato delle divergenze, talora marcate, tra i compensi dichiarati dagli esercenti e quelli, riferiti ai medesimi esercenti, certificati dai concessionari, l’Agenzia ha predisposto un piano di comunicazione delle anomalie", sottolinea il Sindacato Totoricevitori Sportivi, Sts.

 

COSA SI DEVE FARE - In pratica, "gli esercenti interessati dalla verifica riceveranno un’apposita comunicazione (inviata tramite pec o, in mancanza di questa, per posta ordinaria) in cui sarà indicato l’ammontare complessivo dei compensi derivanti dalle slot che risultano all’Agenzia". Sts consiglia quindi "di controllare l’eventuale ricezione della comunicazione dell’Agenzia delle Entrate; nel caso in cui i dati in essa contenuti fossero corretti, trasmettere senza indugio all’Agenzia qualsiasi elemento utile a giustificare la discordanza con i dati dichiarati nella dichiarazione dei redditi 2011; qualora mancassero valide giustificazioni, in alternativa al punto 2, il contribuente potrà regolarizzare la propria posizione attraverso lo strumento del 'ravvedimento operoso'. Trasmettere all’Agenzia delle Entrate la comunicazione giustificativa, personalmente o per il tramite del proprio commercialista, o procedere al ravvedimento, è molto importante: in mancanza, infatti, l’Agenzia provvederà a inserire la posizione del contribuente interessato nei piani annuali di controllo". 
Sul numero di giugno della rivista Gioco News, in distribuzione in questi giorni e consultabile anche online, è stato dedicato un approfondimento al tema da parte del commercialista Francesco Scardovi.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.