skin

Cile, la legge sul gioco online tarda, a rischio player, tasse e società sportive

21 settembre 2022 - 04:22

L'autorità del gioco cileno punta alla regolamentazione ma la legge sul gioco online tarda: a rischio player, tasse e società sportive.

Scritto da Gt
Foto Unplash, Zolkin

Foto Unplash, Zolkin

L'industria del gioco cilena sta per introdurre nuove normative per il gioco online e le scommesse sportive, due attività che operano nell'ombra da un po' di tempo senza alcun input da parte dello stato. A seguito delle operazioni illegali, anche le sponsorizzazioni tra società sportive e bookmaker potrebbero subire il divieto totale se le nuove regole non entreranno in vigore a breve. Una specie di decreto dignità ma in questo caso motivato dal tentativo di annullare il mercato grigio. Solo che esiste il rischio che il mercato si fermi, si danneggino le società sportive e non venga neanche legalizzato il settore.

In un approfondimento di Sbc Leaders, l'ex presidente ad interim dell'Associazione cilena dei casinò (ACCJ), Juan Francisco Muñoz, ha spiegato perché è necessario un quadro normativo per il gioco online e ha sostenuto l'idea che gli attuali operatori di casinò abbiano la priorità una volta che il processo di ottenere un permesso è aperto. “Dobbiamo essere molto chiari nel sottolineare che, oggi, le scommesse online in Cile si svolgono al di fuori dell'attuale quadro normativo, ovvero sono illegali, operano al di fuori della legge. In questo senso, le loro operazioni generano preoccupazione nel settore, poiché rappresentano una concorrenza disonesta, ma soprattutto un grande rischio per la società.

Infatti, la legge e la regolamentazione in Cile autorizzano espressamente questa attività soggetta a una serie di controlli che garantiscono la qualità del gioco, l’integrità e il divieto d’accesso ai minori, il controllo della dipendenza dal gioco, il riciclaggio di denaro proveniente dal traffico di droga o altro e il pagamento delle rispettive imposte specifiche, che sono di beneficio nazionale, regionale e comunale. Tutto questo non esiste nell'attuale funzionamento del business online. Pertanto, è essenziale muoversi presto verso un quadro normativo per il gioco d'azzardo online”.

Tuttavia, considerando le priorità legislative dell'attuale amministrazione e dei tempi parlamentari, è improbabile che ciò avvenga quest'anno. “Come associazione  - ha proseguito - cercheremo di essere un contributo nel dibattito legislativo e ci auguriamo che la volontà dei legislatori sia quella di avanzare in modo agile e consapevole, per poter contare al più presto sul regolamento, soprattutto visto il crescente aumento delle scommesse online nel nostro Paese e i suddetti rischi. Allo stesso modo, supportare l'autorità competente nella persecuzione degli attuali operatori che violano la legge, anche con la pubblicità”.

Gli attuali casinò con licenza potrebbero ottenere un permesso per operare online: “Ci sembra ragionevole, soprattutto perché sono società costituite in Cile, soggette a una stretta supervisione e che danno un grande contributo ai territori in cui sono installate. Per contributo intendo l'imposta specifica, che ha significato la consegna di 895 milioni di dollari a comuni e regioni tra il 2008 e il 2021, nonché la promozione del turismo, della creazione di posti di lavoro, della cultura, della gastronomia, della musica e dello spettacolo, generando una serie di servizi legati alla promozione delle regioni e quindi al decentramento. Da 17 anni siamo un vero e proprio contributo al decentramento e allo sviluppo regionale, rispettando gli impegni previsti dalla Legge, con la generazione di 267 milioni di dollari annui di tasse. Mi sembra che gli attuali operatori di casinò autorizzati presentino il luogo appropriato per iniziare lo sfruttamento legale del gioco d'azzardo online. Hanno già tutte le normative, i processi di controllo e ispezione e conoscono anche i loro clienti. In questo modo si può garantire che i controlli che regolano le esternalità negative del gioco siano ben controllati sin dal primo giorno di funzionamento. Sarebbe saggio e giusto avere la priorità per ottenere i permessi per operare online.

Il gioco illegale online è una piaga: “Si vive una proliferazione di piattaforme di scommesse online che operano illegalmente in Cile, dotate di un quadro normativo che offre sicurezza. Vi è urgenza di offrire garanzie agli utenti. Il gioco illegale si traduce in una minore tutela per i players, in una minore riscossione delle tasse, in un maggior rischio di riciclaggio di denaro ed è concorrenza sleale, in quanto l'operatore illegale non si assume alcuno dei costi richiesti dagli attori autorizzati. È necessario e urgente dotare la Soprintendenza dei Casinò di maggiori poteri affinché possa perseguire efficacemente ogni gioco d'azzardo illegale. Devono essere stabiliti meccanismi per combattere il riciclaggio di denaro - prosegue l’authority - come fa attualmente l'UAF con i casinò regolamentati. Riteniamo inoltre che dovrebbe esserci una moratoria sulla concessione di licenze a coloro che hanno commesso pratiche illegali, come è successo in altri paesi. Una sfida prioritaria del nuovo regolamento sarà l'adozione di misure per garantire la pratica del gioco responsabile in ambienti controllati e sicuri, proteggendo in particolare i minori e le persone vulnerabili, come quelli adottati dai casinò autorizzati”.

Altri articoli su

Articoli correlati